>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
Play
A Catania sembrano essere davvero pochi i compro oro che rispettano la legge. Abbiamo ripreso con le microcamere vari negozi. Tra chi non fa le ricevute, chi non chiede il documento e chi effettua in contanti anche operazioni sopra i 500 euro, ognuno fa un po' come gli pare

Il decreto “compro oro” del 2017 dovrebbe regolamentare un settore da tre milioni di euro l’anno. Ma a Catania la legge sembra essere rimasta solo sulla carta. “È una giungla”, dice Salvo, proprietario di un negozio. “È un settore pericoloso, spesso attraverso i compro oro passano i soldi che la mafia deve ripulire. Basterebbe applicare la legge”.

La legge dice che tutti i compro oro devono seguire tre regole: identificare il cliente, compilare una scheda con i dati dell’oggetto in questione ed effettuare solo con assegni o bonifici tutte le operazioni sopra i 500 euro. “Ma a Catania ognuno fa quello che vuole”, dice Salvo. Così siamo andati a verificare di persona. In molti dei negozi dove andiamo non ci chiedono la carta d’identità, in altri riusciamo a effettuare in contanti anche sopra i 500 euro.

Ismaele La Vardera è tornato da quei negozianti a chiedere spiegazioni. Tra chi “ha famiglia”, chi fa scena muta e chi non vuole chiamare la titolare, ognuno fa come gli pare. Abbiamo avvertito la Questura di Catania, che dopo le nostre segnalazioni ha sanzionato sette locali.

Altri servizi di questa puntata

video più visti

vedi tutti

Ultime puntate

Archivio Puntate
2019
2019
  • 2019
  • 2018
  • 2017
  • 2016
  • 2015
  • 2014
  • 2013
  • 2012
  • 2011
  • 2010
  • 2009
  • 2008
  • 2007
  • 2006
  • 2005
  • 2004
  • 2003
  • 2002
  • 2001
  • 2000
  • 1999
  • 1998
  • 1997
Apr
Apr
mar 09
mar 09

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.