>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
Play
Il maestro di cocktail acrobatico Bruno Vanzan sta per diventare papà. Ma lui ha sempre in mente la sua Ferrari viola. Così la moglie Marcella vuole dargli una lezione. Le Iene mischiano un furto, un incontro sexy e il suo gioiellino: ecco servito uno scherzo cattivissimo

Hanno rubato la Ferrari viola di Bruno Vanzan, maestro di cocktail acrobatico. Niente paura, è tutto uno scherzo de Le Iene! E soprattutto una lezione della moglie Marcella. Nonostante stia per diventare papà, lui pensa solo alla sua auto. Così ci pensiamo noi a fargli cambiare idea.

Un amico manda a Bruno la foto della sua Ferrari parcheggiata a Milano. Impossibile pensa lui: il gioiellino è nel garage di casa. Così va a vedere e una volta lì, tutte le certezze crollano. La Ferrari da 240mila euro e 570 cavalli non c’era più.

Si mette sulle tracce della sua auto e intanto sui social compaiono le prime foto. Nikita, nostra complice, posa sul cofano all’esterno di un ristorante. Bruno riconosce il locale e lo raggiunge. Entra e trova la presunta ladra al tavolo con un suo dipendente. Messo alle strette confessa di avere preso la Ferrari per fare colpo con la ragazza al primo appuntamento.

Ma chi gli ha dato le chiavi? Il dipendente dice che è stata Marcella, la moglie di Bruno. Scoppia un putiferio e alla fine compaiono proprio le due “lei” di Bruno. Marcella che guida la sua Ferrari e che gli dice che è tutto uno scherzo de Le Iene!

Altri servizi di questa puntata

video più visti

vedi tutti

Ultime puntate

Archivio Puntate
2019
2019
  • 2019
  • 2018
  • 2017
  • 2016
  • 2015
  • 2014
  • 2013
  • 2012
  • 2011
  • 2010
  • 2009
  • 2008
  • 2007
  • 2006
  • 2005
  • 2004
  • 2003
  • 2002
  • 2001
  • 2000
  • 1999
  • 1998
  • 1997
Mag
Mag
mar 07
mar 07

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.