>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

Play
Nello scherzo di Sebastian Gazzarrini abbiamo fatto credere a Pino Insegno che suo figlio Matteo era il protagonista di un film decisamente trash in cui lui avrebbe dovuto anche prestare la sua voce pena. Pagamento di una penale

Ha usato la sua voce per portare sugli schermi italiani le più grandi produzioni di Hollywood partecipando a film che hanno cambiato la storia del cinema come il Signore degli anelli.

Noi abbiamo deciso di ucciderlo, facendogli credere che suo figlio Matteo – estraneo al mondo del grande schermo – diventi protagonista di un film di quarta categoria. In più il fratello di Pino gli farà credere di averlo incastrato con un contratto di dover prestare la voce a Costantino Vitagliano, pena il pagamento di una penale altissima.

Così Pino Insegno è caduto nella rete del nostro Sebastian Gazzarrini. Gli abbiamo fatto credere che suo figlio era il protagonista di “Amami ancora”, film con regista il fratello dello stesso Pino. Abbiamo chiamato youtuber e web star del calibro di Francesco Nozzolino, Rosario Muniz, Davide di Porto, Principe Azzurro, Luana D’Esposito con la straordinaria collaborazione di Daniela Martani.

Altri servizi di questa puntata

i video più visti

vedi tutti

Ultime puntate

Archivio Puntate
2018
2018
  • 2018
  • 2017
  • 2016
  • 2015
  • 2014
  • 2013
  • 2012
  • 2011
  • 2010
  • 2009
  • 2008
  • 2007
  • 2006
  • 2005
  • 2004
  • 2003
  • 2002
  • 2001
  • 2000
  • 1999
  • 1998
  • 1997
Ott
Ott
dom 07
dom 07

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.