>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
Play
Micol, Giorgia, Mila sono tutte bambine con malattie rare di cui in alcuni casi non si conosce neppure il nome. Per la ricerca trovare una cura non è vantaggioso economicamente . Veronica Ruggeri ci racconta le loro storie: proviamo tutti insieme ad aiutare le loro famiglie?

Veronica Ruggeri ci racconta le storie di Micol, Giorgia, Mila e delle loro famiglie. Sono bambine con malattie rare, rarissime di cui in alcuni casi non si conosce neppure il nome.

Micol, 2 anni, non può parlare, camminare o essere lasciata sola, nemmeno per due secondi. Giorgia è una bimba di 4 anni con una malattia rara, nessuno sa che cosa abbia. Da un anno è in coma. Dall’altra parte del mondo c’è Mila, una bambina americana affetta da una malattia rara. Solo 20 persone in tutto il mondo la soffrono e purtroppo è mortale. Però per lei c’è speranza: la mamma è riuscita a ottenere un farmaco creato sul suo dna.

Con Veronica Ruggeri vogliamo aiutare queste bambine. Per trovare una soluzione a queste malattie rare bisogna innanzitutto parlarne e diffondere le loro storie alla ricerca di una cura. Prima cosa: diffondete il più possibile questo link tra i vostri contatti, per cercare qualcuno che ne sappia qualcosa di più, anche all’estero.

Se siete medici visitate la pagina ilsorrisodimicol e mettetevi in contatto con mamma Beatrice.

Invece per Giorgia che ancora non sa il nome della sua malattia, trovate qui la relazione sulle sue condizioni tradotta anche in inglese, cliccate qui sotto per leggerla.

 

 

Altri servizi di questa puntata

video più visti

vedi tutti

Ultime puntate

Archivio Puntate
2019
2019
  • 2019
  • 2018
  • 2017
  • 2016
  • 2015
  • 2014
  • 2013
  • 2012
  • 2011
  • 2010
  • 2009
  • 2008
  • 2007
  • 2006
  • 2005
  • 2004
  • 2003
  • 2002
  • 2001
  • 2000
  • 1999
  • 1998
  • 1997
Ott
Ott
gio 17
gio 17

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.