>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

Play
I vicini sono i Mancuso, uno dei clan mafiosi più potenti della Calabria. Pretendono con la forza un piccolo pezzo di terra di 50 metri quadri, in provincia di Vibo Valentia. Così, come ci racconta Gaetano Pecoraro, una famiglia semplice, i Vinci, è stata distrutta

Sara e Francesco raccontano disperati la morte del figlio Matteo Vinci, 42 anni, barbaramente ucciso dalla ‘Ndrangheta con un’autobomba in provincia di Vibo Valentia.

Tutto per un pezzo di terra di 50 metri quadri, preteso dalla famiglia Mancuso, un clan potentissimo, tra i primi dieci della criminalità organizzata calabrese.  

Sara non teme la potente Rosaria Mancuso e l’affronta. La tensione continua va avanti per anni tra minacce e aggressioni, sempre più pesanti, con una vanga e poi con un’accetta a Francesco Vinci (il 30 ottobre 2017).

Loro continuano a denunciare. Fino a che il 9 aprile 2018 i Mancuso fanno esplodere l’auto con a bordo Matteo e Francesco. Si salva solo il padre, che porta ancora addosso ovunque i segni della tragedia.

I Mancuso volevano “finire il lavoro” con gli altri familiari, ma sono arrivate prima le forze dell’ordine

Altri servizi di questa puntata

video più visti

vedi tutti

Ultime puntate

Archivio Puntate
2018
2018
  • 2018
  • 2017
  • 2016
  • 2015
  • 2014
  • 2013
  • 2012
  • 2011
  • 2010
  • 2009
  • 2008
  • 2007
  • 2006
  • 2005
  • 2004
  • 2003
  • 2002
  • 2001
  • 2000
  • 1999
  • 1998
  • 1997
Nov
Nov
mar 06
mar 06

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.