>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
Play
Sette giorni dopo il nostro speciale dedicato alla strage di Erba "Rosa e Olindo, due innocenti all'ergastolo?" di Antonino Monteleone e Marco Occhipinti, vi raccontiamo una svolta che potrebbe risultare clamorosa

Una settimana dopo lo speciale Iene sulla strage di Erba “Rosa e Olindo, due innocenti all’ergastolo?”, l’avvocato di Rosa Bazzi e Olindo Romano, Fabio Schembri, ci comunica un clamoroso colpo di scena.

Il Tribunale di Como il 6 febbraio ha informato i difensori del ritrovamento di uno scatolone contenente dei reperti  raccolti nella casa della strage e mai analizzati, che non sono andati evidentemente distrutti quest’estate nell’inceneritore come si credeva finora.

Schembri racconta che si tratta di un mazzo di chiavi, una tanica, 8 coltelli, un affilacoltelli, un abbonamento e un cellulareUno dei due plichi in cui sono stati ritrovati, secondo quanto dice il legale i reperti risultava aperto.

L’11 dicembre 2006  a Erba (Como) sono stati uccisi Raffaella Castagna, il figlio Youssef Marzouk di due anni, la madre Paola Galli e la vicina di casa Valeria Cherubini. Per i quattro omicidi sono stato condannati all’ergastolo in via definitiva Olindo Romano e la moglie Rosa Bazzi. Movente: le continue liti condominiali.

Cliccando qui potete rivedere il nostro speciale assieme a tutti i servizi che con Antonino Monteleone e Marco Occhipinti abbiamo dedicato al caso e a tutti gli interrogativi che sembrano restare ancora aperti.

Altri servizi di questa puntata

video più visti

vedi tutti

Ultime puntate

Archivio Puntate
2019
2019
  • 2019
  • 2018
  • 2017
  • 2016
  • 2015
  • 2014
  • 2013
  • 2012
  • 2011
  • 2010
  • 2009
  • 2008
  • 2007
  • 2006
  • 2005
  • 2004
  • 2003
  • 2002
  • 2001
  • 2000
  • 1999
  • 1998
  • 1997
Feb
Feb
mar 12
mar 12

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.