>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

Play
Azouz Marzouk, che nella strage ha perso moglie e figlio, parlando con Antonino Monteleone, dice di non credere alla verità processuale. Come lui, alcuni esperti nutrono forti dubbi sulla colpevolezza di Olindo Romano e Rosa Bazzi

“Voglio far riaprire il caso, Rosa e Olindo non c’entrano niente”. A parlare è Azouz Marzouk, che ha perso la moglie Raffaella Castagna e il figlio Youssef, uccisi assieme alla suocera e a una vicina di casa, nella strage di Erba (Como) dell’11 dicembre 2006, per la quale sono stati condannati in via definitiva all’ergastolo Olindo Romano e Rosa Bazzi. Si tratta dei vicini di casa che avrebbero compiuti il massacro per continue liti condominiali.
 
Marzouk, parlando con il nostro Antonino Monteleone, dice di non essere convinto di questa ricostruzione. Ritorniamo quindi a parlare delle prime piste su cui si è indagato: le liti precedenti di Marzouk in carcere con un uomo legato alla ‘Ndrangheta, quella dei contrasti per il traffico di droga. Un’altra pista è quella familiare: Marzouk conferma “freddezza” con i Castagna, i familiari della moglie.
 
Rosa Bazzi e Olindo Romano, dopo l’arresto, hanno confessato, seppure con versioni differenti e con punti da chiarire. Poi hanno ritrattato e si sono detti innocenti. Fondamentale è anche la testimonianza di Mario Frigerio, sopravvissuto alla strage nonostante le ferite.

Non solo Marzouk non è convinto. Anche alcuni giornalisti non lo sono. E come lui, anche la psicologa del carcere di Como. Ad aumentare i dubbi ci sono le indagini del Ris di Parma: non ci sono tracce biologiche delle vittime nella casa di Rosa e Olindo (dove dopo la strage sarebbero tornati a cambiarsi) né dei due nella “casa del massacro”. Ci sarebbero poi elementi non analizzati, tra cui un accendino, un telefono, un mazzo di chiavi e tracce di persone, finiti poi quasi tutti stranamente distrutti.

E non è finita qui: dopo questa prima tappa, continueremo nella nostra inchiesta sul caso.

- CLICCA QUI PER VEDERE LA SECONDA PUNTATA DELL'INCHIESTA: LA VERA PRIMA TESTIMONIANZA DEL TESTIMONE CHIAVE

Altri servizi di questa puntata

i video più visti

vedi tutti

Ultime puntate

Archivio Puntate
2018
2018
  • 2018
  • 2017
  • 2016
  • 2015
  • 2014
  • 2013
  • 2012
  • 2011
  • 2010
  • 2009
  • 2008
  • 2007
  • 2006
  • 2005
  • 2004
  • 2003
  • 2002
  • 2001
  • 2000
  • 1999
  • 1998
  • 1997
Set
Set
dom 30
dom 30

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.