>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
Play
Giuseppe Bergomi, il campione dell'Inter, è stato vittima di uno scherzo de Le Iene tra apparizioni della Madonna, triplete della Juventus sfumato e suore pronte a lasciare la clausura

La figlia è diventata veggente e parla con la Madonna prevedendo il futuro. Peccato in modo sbagliato. E ora tutti chiedono i danni a Giuseppe Bergomi. In che guaio è finito lo Zio, la leggenda dell’Inter e campione del mondo con gli azzurri di Bearzot del 1982? Per fortuna è tutto uno scherzo de Le Iene!

C’è chi al bivio tra due posti di lavoro seguendo il consiglio di Sara ha scelto quello che poi è fallito. Chi invece ha curato la cagnetta malata con un Ave Maria e la bestiola è morta. E chi addirittura è arrivato a scommettere 5mila euro sul triplete della Juventus perché Sara parlando con la Madonna gli ha garantito la vittoria che poi non si è avverata. Ora, il malcapitato chiede indietro i soldi persi al campione nero-azzurro.

Ma anche una suora ha seguito il consiglio di Sara: abbandonarsi ai piaceri della carne con il cuoco del convento. E ora non fa altro che cercare quei piaceri.

Alla fine è proprio la Madonna a indirizzare Bergomi sulla retta via. “Non ripiegare in difesa, un buon difensore affronta sempre l’avversario. Da oggi giocherai nella mia squadra che è una squadra della Madonna!”. E così capisce che è tutto uno scherzo de Le Iene!

Altri servizi di questa puntata

video più visti

vedi tutti

Ultime puntate

Archivio Puntate
2019
2019
  • 2019
  • 2018
  • 2017
  • 2016
  • 2015
  • 2014
  • 2013
  • 2012
  • 2011
  • 2010
  • 2009
  • 2008
  • 2007
  • 2006
  • 2005
  • 2004
  • 2003
  • 2002
  • 2001
  • 2000
  • 1999
  • 1998
  • 1997
Feb
Feb
dom 24
dom 24

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.