>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

News |

Aiutiamo Asia e Manuela, rimaste senza mamma e fratelli dopo l'alluvione

L’alluvione, in una strage che come ci ha raccontato Ismaele La Vardera poteva essere evitata, ha portato via a Asia e Manuela mamme, fratelli, nonni, zii. Possiamo aiutarle con una raccolta fondi web

Sabato 3 novembre a Casteldaccia (Palermo) nove persone sono state travolte da un’alluvione. Due famiglie sono state spazzate via dentro una villetta abusiva presa in affitto dalle acque del fiume Milicia, esondato per il maltempo. Tra i morti ci sono anche Rachele, di un anno, Francesco di 3 e Federico di 15. 

Nel servizio andato in onda martedì Ismaele La Vardera ci racconta come queste morti si sarebbero potute evitare.

Nella tragedia, ci sono anche le storie di Asia e Manuela, le due cugine di dodici e tredici anni sopravvissute per puro caso: erano uscite con il padre di Manuela, Luca Rughoo (che ha perso la moglie e il piccolo Francesco) a fare la spesa e a comprare i dolci per far festa tutti insieme. 

Ad Asia e Manuela è rimasto solo il padre: Giuseppe Giordano, unico sopravvissuto nella villetta della morte ad Asia, e Luca Rugho a Manuela.

Asia ha perso la mamma, il fratello di 15 anni e la sorellina di 1. Manuela ha perso la mamma e il fratellino. Sono morti anche i nonni e gli zii.

E’ appena nata un raccolta fondi web, sostenuta anche dal cantante Tiziano Ferro, su cui si potete fare donazioni: clicca qui per la raccolta fondi. L’obiettivo è raccogliere 10mila euro per aiutare le bambine e i loro papà.

Qui sotto potete vedere il servizio di Ismaele La Vardera sulle colpe dietro questa strage.

Dopo il servizio sul reparto macelleria, Giulio Golia racconta che il cibo scaduto viene riconfezionato con una nuova data di scadenza in tutti i reparti di molti supermercati: frutta e verdura, pescheria, pasticceria, gastronomia... I prodotti vengono riusati in ogni modo, alla faccia della salute di chi compra

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.