>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

News |

Bambini di Chernobyl: il piccolo Vladik in piedi, grazie a voi!

Il bambino di due anni, colpito da un grave tumore, si sta curando grazie alle vostre donazioni. Vi riproponiamo il servizio su drammi e solidarietà dopo la tragica esplosione del 1986 nella centrale nucleare ucraina

Grazie alla vostra generosità, il piccolo Vladik riesce a stare in piedi sulle proprie gambe! Vi avevamo raccontato del bambino di Chernobyl in un servizio del 21 novembre 2017 di Alice Martinelli. La nostra Iena era andata in Ucraina, nei pressi di Chernobyl, a documentare la vita di chi, dopo l’esplosione di uno dei reattori della centrale elettronucleare il 26 aprile 1986, è stato contaminato dalle radiazioni, attive ancora oggi. Raccontando soprattutto le storie dei bambini, che si ammalano anche di 5-6 patologie insieme spesso per colpa del cibo, ancora radioattivo.

Sfoglia qui sotto la gallery con le foto del servizio

Il cibo che uccide i bambini di Chernobyl: le foto

1 di 54

 

Lì, abbiamo conosciuto Vladik, che a soli due anni ha già affrontato la chemioterapia per combattere una grave forma di tumore, un neuroblastoma alla colonna vertebrale. “Glielo hanno trovato a 7 mesi”, ci aveva raccontato la madre, “gli ha paralizzato tutti i nervi”. Le sue gambe non funzionavano normalmente. Pur non essendo completamente paralizzate, Vladik era costretto a gattonare trascinandole: “Da solo non sta in piedi”.

Dopo il nostro servizio, l’associazione italiana “Mondo in Cammino”, grazie alla quale i bambini delle scuole di Chernobyl possono mangiare ogni giorno pasti non contaminati, ha lanciato una raccolta fondi per aiutare sia Vladik che tutte le scuole e gli ospedali della zona. Ad aprile, grazie alle vostre donazioni, sono stati superati i 100 mila euro.

Vladik oggi, grazie alle cure che ha potuto fare, riesce a stare in piedi, come si vede nelle foto qui sotto. Il piccolo dovrà affrontare altre operazioni, di cui, naturalmente, vi terremo aggiornati.

Bambini di Chernobyl, il piccolo Vladik in piedi: le foto

1 di 4

 

Per aiutare i bambini di Chernobyl potete andare sul sito www.mondoincammino.org e finanziare la raccolta fondi. 

Guarda qui sotto il servizio di Alice Martinelli sui bambini di Chernobyl

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.