>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

News |

Bidella licenziata: “Grazie Iene, ho incontrato una famiglia dal cuore grande”

È avvenuto l’incontro tra la bidella Rosanna, licenziata dopo aver denunciato i maltrattamenti sui bambini, e una famiglia di telespettatori pronti ad aiutarla

Ciao Iene, volevo ringraziarvi per avermi dato la possibilità di far conoscere la mia storia e soprattutto aver incontrato una famiglia dal cuore grande”. Inizia così il video messaggio di ringraziamento di Rosanna, la bidella licenziata dopo aver denunciato maltrattamenti su minori nell’asilo in cui lavorava nella provincia di Piacenza.  

Nel servizio della nostra Veronica Ruggeri avevamo conosciuto la sua storia. Dopo la chiusura dell’inchiesta avviata proprio grazie alla denuncia della bidella e l’arresto delle maestre, Rosanna è stata licenziata dalla cooperativa per cui lavorava dal 2011 ritrovandosi a casa senza un lavoro. Noi abbiamo lanciato il suo appello. Il primo aiuto concreto è arrivato da una famiglia della provincia di Como, che chiedendo di restare nell’anonimato le ha voluto donare 1000 euro.

L’incontro è avvenuto nei giorni scorsi in piazza Duomo a Milano. “Ci siamo trovati a metà strada” spiega Rosanna. “Volevo fare un ringraziamento particolare a questa stupenda famiglia che mi è stata veramente d’aiuto”.  Hanno voluto aiutarla economicamente ma anche ringraziarla per il suo gesto di coraggio. Anche loro all’asilo con il bambino hanno avuto spiacevoli situazioni in cui si sono ritrovati da soli, senza l’aiuto di nessuno.

Ci ha colpito il suo carattere veramente forte”, racconta la famiglia di benefattori. “Ci siamo confrontati sulle nostre vicende. Ora siamo in stretto contatto”.

Aver incontrato questa famiglia è stata una carica di fiducia e positività per lei. “Spero di essere stata da esempio per tutte quelle persone che si trovano davanti alle violenze negli asili nido, nelle strutture anziane e centri disabili”, conclude Rosanna. “L’augurio è che denuncino quello che vedono”.

Guarda qui sotto il servizio di Veronica Ruggeri

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.