>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Commercio illegale di avorio: bracconiere cacciato da branco di elefanti

Un bracconiere è stato messo in fuga da un branco di elefanti nel parco nazionale di Kruger, il commercio illegale di avorio causa la morte di 30 mila animali all’anno

Bracconiere cacciato da un branco di elefanti. Per decenni vittime del commercio illegale, ora gli animali alzano la testa in quella che per molti è stata ribattezzata come la “rivolta delle proboscidi”. 

Il fatto ci riporta in Sudrafica. Siamo nel parco nazionale di Kruger, nella provincia di Mpumalanga. Un gruppo di bracconieri si avventura nei pressi del più grande campo della riserva, Skukuza. Quanto accaduto è ricostruito grazie alla testimonianza di una guardia forestale che ha visto l’uomo in fuga inseguito da un branco di elefanti.

Il fatto ha molte analogie con un altro incidente avvenuto un paio di settimane fa, in cui tre bracconieri hanno perso la vita sbranati da alcuni leoni. I cacciatori si erano introdotti per estrarre il corno dei rinoceronti. Ma gli animali si sono difesi.

Solo nello scorso anno nel parco nazionale Kruger i bracconieri hanno ucciso 529 rinoceronti e 30 elefanti. Numeri ancora più impressionanti se paragonati a quelli del commercio illegale di avorio. Il 75 per cento dell’avorio venduto in Europa è illegale perché ottenuto da elefanti uccisi di recente. A sostenerlo è uno studio dell’Università di Oxford, ogni giorno vengono uccisi almeno 80 animali per prendere l’avorio dalle loro zanne. In un anno il numero degli esemplari ammazzati supera i 30.000.

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.