>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Cannabis terapeutica: presto partnership pubblico-privata per produrla

Ad annunciarlo, per soddisfare le esigenze dei pazienti, è il ministro della Salute, Giulia Grillo. Obiettivo: farla tornare presto in tutte le farmacie. Noi, con Matteo Viviani, vi abbiamo parlato quest’anno del boom della cannabis light

C’è bisogno di più cannabis terapeutica per i pazienti. Così il ministro della Salute, Giulia Grillo, ha annunciato, dopo aver visitato l'Istituto chimico farmaceutico militare di Firenze dove per ora viene prodotta, “una partnership pubblico-privata” per rispondere alle esigenze e farla tornare presto in tutte le farmacie.

Nonostante il parere negativo del Consiglio supreriore di Sanità, in Italia è boom di richieste anche per la cannabis light. Ve ne abbiamo parlato quest’anno con un servizio di Matteo Viviani.

In questo caso non si tratta di cannabis terapeutica ma ha comunque effetti rilassanti, utili anche per alcune malattie come certificato anche dall’Oms, l’Organizzazione mondiale della Sanità. Con un boom, appunto, di affari e centinaia di punti vendita aperti da poco per la “marijuana legale”, pur con una legge ancora complicata e comunque da aggiornare che permette di venderla solo come “prodotto tecnico”.

Guarda qui sotto il servizio “La canapa che puoi comprare in Italia”.


 

esclusiva web

Per la Corte dei Conti il partito di estrema destra, che da quasi 16 anni occupa nella Capitale senza pagare affitto come sede il palazzo nel quale eravamo entrati con Filippo Roma, ha provocato un danno alle casse dello Stato per 4,6 milioni di euro. Abbiamo sentito per telefono Davide Di Stefano, responsabile romano di CasaPound, che si dice disposto a pagare un “canone sociale di 600-700 euro al mese”. A molte condizioni

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.