>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

News |

Dieta miracolosa per diabete e Alzheimer, medici e giornalisti contro Panzironi

I due Ordini aprono procedimenti contro Adriano Panzironi e il suo stile di vita “Life 120” di cui noi de Le Iene ci siamo occupati per primi

Ai farmaci sostituiva spezie, con le quali diceva di curare perfino l’Alzheimer. Con questa accusa il giornalista Adriano Panzironi è ora nel mirino sia dell’Ordine dei Giornalisti del Lazio sia di quello dei Medici della Toscana. Il primo procedimento potrebbe concludersi con la radiazione, il secondo si preoccupa degli aspetti antiscientifici ed eventualmente pericolosi per la salute. Nel mirino ci sono sempre le sue diete spacciate per miracolose, di cui noi de Le Iene ci siamo occupati per primi.

Con il nostro Andrea Agresti avevano raccontato come il giornalista promuoveva uno stile di vita chiamato “Life120” con il quale sosteneva che si può raggiungere addirittura i 120 anni di vita. La ricetta era molto semplice, quanto potenzialmente dannosa se seguita alla lettera soprattutto per i malati cronici che lui sosteneva di guarire. Consigliava di eliminare tutti i carboidrati, bisognava leggere poi il suo libro e acquistare specifici integratori dalla Life 120 Italia, azienda di cui era socio con il fratello.

Il diabete per noi è una falsa malattia perché se uno seguisse lo stile di vita ‘Life 120 Italia’ non ci sarebbe un diabetico in Italia”, sosteneva Panzironi. E per vincere l’Alzheimer o il morbo di Crohn? “L’unico in grado di toglierli è Orac Spice”, il suo mix di chiodi di garofano, zenzero e pepe nero che vendeva a 250 euro al mese. 

Sfoglia la gallery qui sotto per le foto degli articoli e dei servizi che abbiamo dedicato al caso. 

Andrea Agresti si occupa di "Life 120" e di Adriano Panzironi: le foto

 
1 di 10

 

Le Iene avevano chiesto a Lorenzo Piemonti, direttore dell’Istituto di ricerca sul diabete, di confermarci se potesse essere dannoso consigliare a un malato di diabete di tipo 1 di rimuovere i carboidrati. “E’ una cazzata”, aveva tuonato lo specialista. “Il problema per il paziente diabetico non è la quantità di zucchero presente, ma il fatto che questo rimane nel sangue. Non bisogna quindi diminuire gli zuccheri presenti, ma dare l'insulina per permettere agli zuccheri che sono nel sangue di finire nelle cellule".

Anche il vice presidente dell’Ordine dei Medici è intervenuto. “Questi vigliacchi colpiscono sulla sofferenza delle famiglie. Dietro c’è solo un grande business”, aveva detto Maurizio Scassola. Analogamente, l’Ordine dei Giornalisti del Lazio aveva preso le distanze. “Da un punto di vista giornalistico tutto quello che ho visto è grave”, aveva sottolineato la presidente Paola Spadari. Oggi entrambi gli ordini hanno avviato le procedure.

Le Iene si erano interessate di Panzironi anche come produttore di film. Nel servizio di inizio 2018, sempre il nostro Andrea Agresti aveva parlato del film “Roma nuda” inizialmente prodotto da Massimiliano Caroletti, marito di Eva Henger, che non avrebbe pagato le maestranze. Il mago delle diete miracolose subentra qualche mese dopo, Panzironi prende le redini della società a produzione avviata. A Le Iene si sono rivolte almeno 26 membri delle maestranze che attendono compensi per un totale di oltre 130 mila euro a cui si aggiungono quelli di alcuni attori. Per recuperare i loro soldi, hanno dovuto fare causa

Guarda qui in basso tutti gli articoli e i servizi che abbiamo dedicato al caso di Panzironi.

 

Panzironi, tutti i nostri servizi

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.