>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

News |

Noi pubblichiamo le foto hot e chat della “stanza virtuale” e loro la chiudono | FOTO

Dopo la pubblicazione delle conversazioni tra gli utenti di una “stanza virtuale” dove si possono caricare foto rubate dai social dando sfogo a fantasie sessuali e perversioni di gruppo, abbiamo registrato dall’interno l’abbandono e la chiusura della stanza da parte degli utenti, probabilmente migrati altrove

 

“Vabbè è stato bello finché è durato”, esordisce LightYagami commentando il nostro articolo “In diretta dentro un gruppo virtuale di foto rubate e perversioni”. Mentre andava in onda il servizio di Matteo Viviani e Riccardo Spagnoli sui siti di “stanze chiuse” dove gli utenti possono caricare foto di ragazze spesso rubate dai loro profili Facebook, dando libero sfogo a fantasie perverse, masturbazioni di gruppo e insulti a sfondo sessuale, abbiamo registrato le reazioni degli utenti di una di queste “stanze chiuse”, dentro la quale ci siamo infiltrati.

Dopo la pubblicazione dell’articolo abbiamo potuto registrare dall’interno la chiusura della stanza “Il Canile ***” (nome della stanza, ndr) di cui abbiamo pubblicato vari screenshot di conversazioni tra gli utenti.

“Appena entrato… tutto finito qui?”, chiede Helios vedendo che la stanza è stata abbandonata dagli utenti e non viene più caricato nulla dopo il nostro articolo. “Meno male ci sono le stanze straniere”, commenta sollevato Theseus. “Esiliati all’estero dove nessuno rompe il cazzo come in Italia”, scrive Thelchtereia. Non proprio una fuga di cervelli.

 

Dopo la pubblicazione del nostro viaggio all’interno di questa stanza, gli amministratori hanno deciso di chiuderla. È già un risultato, ma non basta, perché probabilmente gli utenti si sono spostati su altri siti o su altre stanze dello stesso sito. Qui, intanto, “non ci sono foto, tutto vuoto”, nota Lupe. Probabilmente i file sono già stati cancellati. Ma le foto non sembrano essere l’unica cosa sparita. Anche qualche utente, che si diceva tranquillo e sereno, non si fa più sentire: “comunque Pocho è già sparito”, scrive LightYagami. “Anche io tra poco vado”, aggiunge. “Tutti cacati sotto ora ahahah”, conclude Lado. 

 

“Vorrei parlare con un admin a proposito del fatto che sono state eliminate tutte le foto sensibili che fino a ieri sera c’erano”. Adonis non è contento della “pulizia” che è stata fatta nella stanza “Il Canile ***”.

“Sembri molto infastidito dal contenuto di queste stanze”, nota Philotes. “Dai contenuti che c’erano fino a ieri sì, quelli di oggi sono ben poca cosa. Fino a ieri c’erano ragazze ignare nude". "Come in tanti altri siti", commenta Philotes. 

 

 

 

Tutto cancellato insomma, e, dal commento di qualche utente, sembra che sia stato cancellato anche materiale che qui chiamano “teen”, ovvero foto o video di minorenni. “A me sembra di aver visto senza aprire dei video di teen. Non so chi li ha caricati e non mi interessa. Ha fatto bene a cancellare tutto”, scrive LightYagami.

Ma nel frattempo avevamo già registrato commenti e richieste di utenti su dove reperire materiale di minorenni.

“In quella room (stanza, ndr) hanno messo una che sì e no ha 12 anni”, scrive Pocho, riferendosi probabilmente a un’altra stanza virtuale. “Quale room?”, si informa subito Tinko. “Niente e nessuna non ci pensate, e poi che te ne fai di una room tutte 12, 13enni?”, si chiede Pocho. Intanto Posedon vuole capire di che stanza si tratti e ne cita una: “#NewRoom, questa?”, “sì”, conferma Pocho.

 

 Ed è proprio Pocho a sollevare, per fortuna, il problema: “Il problema è che sì e no ha 13 anni, forse”. Ma Asterion lo riprende, perché il lessico è importante, soprattutto quando si parla di minorenni. “Pocho non ha ’13 anni’, è ‘teen ***’”, e utilizza un’espressione per indicare, “tutte quelle che come età finiscono in ‘teen’, quindi dai 13 ai 19”, come spiega dettagliatamente Pocho. “Appunto”, conferma Asterion, “ma per pararti il culo dici ‘teen ***’”.

“Resta una stanza di merda ma l’importante è che non mettano minorenni nude”, commenta Poine. “Credo che una nuda ce n’è”, nota Pocho. “Tutti moralisti mah”, sentenzia Ino. Ma Pocho non ci sta: “Nessun moralismo, io sono il primo che chiaverei delle 16enni, anzi sono loro che scopano te… ma per regolamento e quieto viver sono vietate”. E meno male. Ma Uriah, mandando una foto, conclude: “Moralisti e una minorenne qui”. E, poco dopo, Ketah manda un video, con tanto di età: “16 anni”. “16 chili direi”, commenta Marius. “Con una sesta di tette”, conclude Thesis.

 

 

“Qualcuno conosce siti dove posso trovare roba tipo ***?”, chiede Harse, utilizzando un termine che nel "deep web" indica il materiale pedopornograico. “Sei un po’ porcellino Herse”, lo riprende Argeus. E Auxesia si unisce alla rischiesta: “Quoto Herse, se qualcuno ne conosce sarebbe roba gradita”. “Mi interessa questa cosa del ***, qualcuno sa aiutarci?”, si intromette Phobetor, interessato evidentemente allo stesso materiale. “*** dovrebbe essere roba da ragazzine giusto?”, cerca di capire Agenor. “Mi eccita sto ***” dice pixo. “cazzo già in mano”.  

 

 

Guarda qui sotto l'utima e la prima puntata dell'inchiesta di Matteo Viviani e Riccardo Spagnoli. 

Attenzione!
La visione di questo video è vietata ai minori. Accedi per verificare i tuoi dati.Ci dispiace, la tua età non ti permette di accedere alla visione di questo contenuto.

 

Dopo il servizio sul reparto macelleria, Giulio Golia racconta che il cibo scaduto viene riconfezionato con una nuova data di scadenza in tutti i reparti di molti supermercati: frutta e verdura, pescheria, pasticceria, gastronomia... I prodotti vengono riusati in ogni modo, alla faccia della salute di chi compra

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.