>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

News |

Maltrattamenti in casa famiglia, chieste le dimissioni del sindaco Molari

Dopo il servizio de Le Iene sulla struttura ‘Il sorriso’, l’opposizione chiede le dimissioni della giunta comunale e di tutto il consiglio

Dimissioni per tutti. Dal sindaco Fabio Molari e la sua giunta al consiglio comunale al completo. Lo auspica l’opposizione di Montiano dopo la vicenda dei maltrattamenti nella casa famiglia ‘Il sorriso’ sollevata dal nostro Matteo Viviani.

“Chiediamo le dimissioni del sindaco” dichiara Raffaella Signani dal gruppo ‘Montiano Comune aperto’, “Le dichiarazioni del sindaco Fabio Molari hanno fatto di lui una figura di amministratore superficiale, colpendo vistosamente l’immagine della nostra comunità a livello nazionale”.

La vicenda della casa famiglia l’abbiamo raccontata nel servizio del 15 aprile. All'interno della struttura succedeva di tutto, dalle urla, agli schiaffi, alla somministrazione di cibo scaduto. Un servizio che il comune pagava 2.500 euro al mese per ogni minore. Nonostante un processo in corso, tutt’oggi ospita al suo interno bambini.

“Tu ti senti in colpa veramente per sta cosa? Io ti dico, non mi sento in colpa. Sapevo che i servizi sociali controllavano” ha dichiarato il sindaco Molari a Le Iene.

Ma per gli stessi servizi sociali non vi erano elementi anomali, tanto da definirla una “situazione tranquilla”.

“Il nostro servizio sociale alla luce del procedimento penale in oggetto ha preso ogni provvedimento del caso e ogni misura utile e necessaria” aveva spiegato il dirigente di settore, Michele Gaggi. “Non abbiamo elementi per far chiudere la struttura, attendiamo la magistratura che faccia il suo corso”,

Ora la minoranza del piccolo paese in provincia di Forlì chiede le dimissioni di tutto il consiglio comunale. “Un atto di chiara consapevolezza di fronte a un tale fallimento” lo definiscono. Ma il sindaco pare essere di tutt’altro avviso.  

Guarda qui sotto il servizio completo di Matteo Viviani 

L’addio alle vittime, salite a 43, del crollo del Ponte Morandi dell’autostrada A10 tra applausi per Mattarella, governo e soccorritori (e fischi per i politici Pd). La società gestita dai Benetton si scusa perché percepita come distante ma non si assume la responsabilità della strage. L’esecutivo: via la concessione. Video e foto raccontano la tragedia 

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.