>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

News |

Mihajlovic esonerato dopo 10 giorni: è ufficiale. Meglio il nostro scherzo?

Già finita, con tanto di accuse dal nuovo presidente dello Sporting Lisbona, l’avventura in Portogallo di Sinisa. Che, dopo il precedente esonero (dal Torino), non aveva gradito il fidanzato della figlia Viktorija che gli avevamo presentato. Forse però ora è ancora più arrabbiato

Già finita dopo dieci giorni l’avventura in Portogallo per Sinisa Mihajlovic, ex allenatore di Milan e Torino e calciatore di Lazio e Inter. La notizia era stata diffusa dal quotidiano portoghese Record, riprendendo l’indiscrezione dello spagnolo AS. La rottura è legata al caos in cui versa la società, che ha appena rimosso il presidente Bruno de Carvalho. Si aspettava ormai solo l’ufficializzazione dell’esonero dell’allenatore. Il nuovo presidente Sousa Cintra l'ha annunciato ufficialmente in conferenza stampa: "La prima cosa che Mihajlovic ha fatto è stato cambiare luogo di preparazione della prima squadra, spostandolo in Svizzera e facendo perdere allo Sporting 300 mila euro. Abbiamo deciso di non dare seguito al contratto. Mihajlovic, è un allenatore fuori dai nostri piani per la prossima stagione. Cercheremo presto un nuovo tecnico". Mihajlovic aveva firmato un contratto per tre anni con lo Sporting Lisbona.

Stefano Corti e Alessandro Onnis dopo il primo suo esonero di quest’anno (dal Torino) avevano rincarato la dose con uno scherzo. Complice la bellissima figlia Viktorija, di 21 anni, e la mamma Arianna, gli hanno presentato il finto e improbabilissimo fidanzato Loris, 34 anni, musicista di triangolo.

L'incontro è a pranzo, in un ristorante. Loris si presenta con 50 minuti di ritardo e chiama Sinisa “Papi”, irritandolo subito in partenza. Poi gli mette le mani nel piatto, accumulando gaffe su gaffe sul suo fresco “licenziamento”, con tanto di baci e abbracci di riparazione non graditi.

Mihajlovic, notoriamente fumantino di carattere e super geloso della figlia, dice alla moglie, in una pausa, di aver già voglia di dargli uno schiaffone. Parte duro: “Scusami, ma tu sei scemo o fai lo scemo?”. All’ipotesi di diventare nonno, lo avverte: “Guarda che mi sto incazzando!”.

Loris, incurante, gli vuol far sentire la canzone che ha scritto per Vicky. Rutta per scaldarsi la voce, poi parte con la terribile “Vicky sei la mia zingarella, tu sei il mio buco e io sono la tua ciambella”. Arrivano anche gli amici di Loris per scroccare da bere, Sinisa ormai è furioso.

È il momento di svelare lo scherzo: Mihajlovic ci mette un po’ a calmarsi. E un con “Vaf….ulo pure a voi due!” se lo beccano pure Corti e Onnis.

Non contenti, dopo il servizio, abbiamo insistito  sul sito con un’intervista alla figlia Viktorija. “C'è stato un punto che aveva il coltello in mano e lo batteva e ho pensato: adesso lo accoltella”, racconta. “Poi, a telecamere spente, ha detto: ‘Ề come se mi fossi svegliato da un incubo'”.

Giocatori belli? Viktorija cita: Romagnoli, Osvaldo e Couto e con un palese complesso di Edipo confessa: “Il fidanzato ideale deve essere un po' come papà”. Meglio Corti o Onnis? Viktorija sceglie Stefano: non perdetevi la risposta di Corti alla fine dell’intervista.

Che dite, Mihajlovic si sentirà un po’ meglio dopo il secondo esonero di quest’anno ripensando a tutto questo? Mai dire mai.

Intanto potete godervi qui in basso il servizio “Un pessimo genero per Mihajlovic” e l’intervista alla figlia Viktorija in versione integrale.

 




 

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.