>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

News |

Molestie in cappella, un'altra denuncia per il frate abusatore: indaga la Procura

Dopo il nostro servizio e la sospensione dell’Arcidiocesi, anche la Procura di Gorizia ha aperto un fascicolo a carico di frate Valentino. Intanto salgono a tre le denunce a suo carico per molestie sessuali

La Procura ci sta lavorando”. Sono le poche parole che il procuratore capo Massimo Lia si limita a dire a proposito del frate abusatore di Gorizia, i cui “vizietti” sono stati documentati nel servizio de Le Iene e per cui è stato aperto un fascicolo. Nelle ore immediatamente successive alla messa in onda, l’Arcidiocesi di Gorizia ha proceduto a sospendere il religioso.

Intanto nei confronti del frate abusatore è venuta a galla un’altra squallida storia che risale allo scorso anno. Una donna di Gorizia ha denunciato una situazione dai contorni molti simili a quelli testimoniati nel nostro servizio. Con tanto di file audio e registrazioni che inchiodano il religioso. La 34enne di nazionalità straniera racconta di tre incontri avvenuti nella sagrestia di frate Valentino.

Il primo è dell’8 aprile 2017. Quella mattina incontra per la prima volta il religioso nella cappella di San Giovanni Di Dio. Inizia a spiegargli le sue difficoltà e il bisogno di un lavoro. L’incontro si è concluso con un abbraccio che la donna pensava di semplice affetto. Dopo pochi giorni, i due si incontrano di nuovo sempre nello stesso posto. Ma qui frate Valentino ha ben presto mostrato il suo volto, lo stesso che abbiamo visto nel servizio di Nina. Chiude la porta a chiave e inizia a stringere a sé la donna. Tenta di baciarla e palparla. Lei se ne va, ma dopo pochi giorni ricade nella trappola di un nuovo appuntamento. Perché frate Valentino ogni volta contattava le malcapitate dicendo di poterle accontentare nelle loro richieste. Anche questa volta il copione è lo stesso. Il frate chiude la porta a chiave e mettendole una mano sulla bocca tenta di baciarla. La donna prende coraggio e si presenta a un quarto incontro. E questa volta registra tutto. Negli audio si sentono le scuse del frate per aver “forzato la mano” la volta prima. Il contenuto è inequivocabile, e dopo pochi giorni la donna denuncia tutto alla Procura. E’ il 17 maggio del 2017.

Con questa salgono ad almeno tre le vittime delle molestie di frate Valentino. A quest’ultima denuncia si aggiunge quella presentata alla Procura di Bergamo e la testimonianza di Lucia raccontata nel servizio della nostra Nina.

Guarda qui sotto le foto della gallery di frate Valentino

Chiede aiuto a un frate, lui abusa di lei: le foto

1 di 10

 

Anche questa donna si rivolge a fra Valentino chiedendo aiuto per trovare lavoro e si ritrova a subire violenze sessuali e molestie da parte del frate. L’uomo si mostra in un primo momento disponibile. Ma quando i due si incontrano nella sagrestia della parrocchia, per la donna inizia l’incubo. Le immagini registrate da una telecamera nascosta sono fin troppo chiare: il frate la stringe e simula un rapporto sessuale.

Guarda qui sotto il servizio di Nina Palmieri

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.