>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

News |

Chiese l'arresto dell'ex marito dell'amante: pm Ferrigno sanzionato dal Csm

Primo provvedimento contro il pm Vincenzo Ferrigno (già rinviato a giudizio per questa storia) per aver chiesto i domiciliari per l’ex marito della sua amante. Filippo Roma era già andato a indagare a Firenze per Le Iene

Il Csm sanziona con un provvedimento disciplinare l’ex pm di Firenze, ora in servzio a Spoleto, Vincenzo Ferrigno che nel 2015, come hanno raccontato Le Iene con Filippo Roma, aveva chiesto gli arresti domiciliari per l’ex marito della donna con cui aveva una relazione. La sezione disciplinare del Consiglio superiore della magistratura (Csm) ha stabilito per lui la perdita di 2 mesi di anzianità professionale.

Il pm è stato già rinviato a giudizio per questa storia e andrà a processo il 18 settembre con l’accusa di abuso d’ufficio (sono cadute invece quelle di falso e di corruzione), dopo l’esposto presentato dall’ex marito, sulla base di sue indagini con un investigatore privato.

In alcuni filmati, che abbiamo trasmesso nel nostro servizio del 12 febbraio 2017 che vi riproponiamo qui sotto, mostrano la moglie che entra la sera, sul tardi, a casa del magistrato Ferrigno per uscire furtiva la mattina dopo, molto presto.

Ricostruiamo il tutto, partendo nel 2015, a Firenze. Durante una separazione burrascosa la donna denuncia il marito per maltrattamenti, per due volte. Il fascicolo viene assegnato al pm Ferrigno che, non ritenendo fondate le accuse, per due volte chiede l'archiviazione. Il gip, il giudice per le indagini preliminari, però chiede al pm di fare ulteriori accertamenti.

Proprio durante questi "accertamenti" Ferrigno conosce meglio i due coniugi. Conosce meglio soprattutto la moglie con cui sarebbe nata una relazione. Di sicuro nel 2016 cambia completamente opinione: chiede la revoca della richiesta di archiviazione e gli arresti domiciliari del marito.

Cosa gli avrà fatto cambiare idea? Anche noi siamo andati a indagare. “Non l’ho mai menata, non sono un tipo violento”, ha detto alla nostra Iena il marito, medico, che si è fatto intervistare di spalle e con una parrucca per tutelare i figli minorenni.  Nel frattempo, il fascicolo su di lui per maltrattamenti è stato trasferito a un altro magistrato e il medico è stato comunque rinviato a giudizio. 

Filippo Roma, oltre a mostrare i filmati e risultati delle indagini del detective privato ingaggiato dal medico, è riuscito a parlare anche con la donna e con l’ex pm Ferrigno. Per capire meglio il tutto, la cosa migliore è guardare qui sotto il servizio “Cosa fa il magistrato con la moglie dell’indagato?”.
 

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.