>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Affama i suoi cavalli e il pm glieli affida

Dopo che abbiamo raccolto l'appello per aiutare i puledri scheletrici di Corviale a Roma le forze dell’ordine hanno provveduto al sequestro. Ma il pm ha affidato i cavalli a chi li ha ridotti così

La polizia municipale e l’Asl di Roma sono intervenute subito per verificare lo stato di salute dei cavalli denutriti di Corviale a Roma. Ieri, lunedì 17, ne abbiamo parlato in un nostro articolo. Vista la loro condizione è stato predisposto il sequestro immediato dei due puledri ed è stata accertata la necessità di fornire delle cure adeguate. Gli animali, però, per il momento non verranno trasferiti, e restano lì dove sono. A fornire le cure sarà la stessa persona che se ne è occupata finora.

Questa notizia ci è sembrata strana, pensavamo di aver capito male. Per noi, la conseguenza ovvia dopo un sequestro era che i cavalli venissero portati in un luogo più adatto, monitorati e curati da qualche bravo veterinario. E invece non cambia nulla. Il pm, in attesa di trovare un luogo adatto dove trasferire i cavalli, ha predisposto l’affidamento temporaneo a chi già se ne occupa, sotto la sorveglianza dei veterinari dell’Asl.

La Lav, insieme ad altre associazioni animaliste, ha dato la disponibilità ad accogliere i cavalli nel suo centro di Semproniano, Grosseto. Oppure i puledri potrebbero essere trasferiti nelle stalle vuote del comune di Roma che si trovano a Castel di Guido. In questo modo eviterebbero di fare un viaggio che nella loro condizione potrebbe essere stressante. Fatto sta che per ora restano nelle mani del proprietario, un italiano di 60 anni, indagato per maltrattamento contro gli animali in base all’articolo 544 ter del codice penale, e già noto alle forze dell'ordine per dei precedenti, fra cui un'occupazione abusiva. Sarebbero in corso ulteriori indagini.

Questa storia è cominciata pochi giorni fa, quando una fotografa di Roma, Stephanie Gengotti, ha lanciato l’allarme su Facebook, e noi siamo stati i primi a raccogliere la sua denuncia. Il presidente della Lav Gianluca Felicetti si rivolge direttamente alla sindaca Raggi: “Questo signore fra qualche giorno potrebbe avere altri cavalli, e trattarli allo stesso identico modo. Il sindaco di una città ha la potestà di ordinare di non detenere animali. Virginia Raggi potrebbe quantomeno procedere alla sospensione per questo signore, almeno fino alla condanna”. 

Nel frattempo i puledri restano nelle mani del proprietario. Speriamo ancora per poco.

Il video di denuncia della fotografa

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.