>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Benedetta Parodi dopo lo scherzo: "Iene disgraziate!" | VIDEO

Benedetta Parodi commenta su Instagram lo scherzo andato in onda nell’ultima puntata, in cui Nicolò De Devitiis le ha fatto credere che la figlia di 16 anni si fosse presa una cotta per il collega chef Marco, un baffuto quarantenne che se la porta a casa! 

“Iene disgraziate!”. Stamattina su Instagram Benedetta Parodi ha commentato lo scherzo di Nicolò De Devitiis andato in onda nella puntata di ieri, domenica 10 marzo, che vi riproponiamo qui sotto. Come dice la “cuoca più famosa d’Italia”, l’abbiamo proprio “colpita nel vivo”, facendole credere che la figlia 16enne si fosse presa una cotta per uno chef di 40 anni che se l’è portata a casa sua (e per di più in compagnia di un tatuatore abusivo).

La reazione di Benedetta non si è fatta attendere, tra preoccupazione, urla e tirate di capelli per portare via la figlia da casa dello chef. E alla fine sono arrivate anche le lacrime, quando la Parodi ha capito che era tutto un nostro scherzo. 

“Devo ringraziare le centinaia di persone che mi hanno scritto per solidarietà materna dopo aver visto lo scherzo de Le Iene”, dice Benedetta nella sua storia Instagram (che vedete qui sopra). “Mi ha fatto piacere vedere che si sono commosse, che hanno detto che anche loro si sarebbero comportate in questo modo. Devo dirvi che dopo aver subito questo scherzo avevo una sensazione di fastidio per essermi così scaldata. Non ero per niente contenta che andasse in onda perché sono una timida. Mi hanno colpito proprio sul vivo e quindi ero un po’ timorosa, e invece ho visto che la mia reazione è stata capita e apprezzata. Ho avuto una paura mostruosa che facessero del male a mia figlia, proprio mostruosa, e quindi nel sollievo poi mi sono messa a piangere”. E conclude: “Iene disgraziate!”.

Non solo Benedetta credeva che la figlia si fosse invaghita di un 40enne, ma quest'uomo fatto e finito era lo chef con cui la Parodi stava girando un nuovo programma, sempre frutto del nostro scherzo. Tutto inizia quando l’agente di Benedetta, nostro complice, le propone un nuovo format: dovrà ospitare nella sua cucina lo chef Marco per tre puntate.

Il primo giorno di riprese sul set c’è anche la figlia più grande di Benedetta, la 16enne Matilde, che non stacca gli occhi di dosso a Marco. Il giorno dopo, a cena, si consuma il “dramma”. Eleonora, la sorella minore, mostra a Benedetta una storia su Instagram in cui Matilde, che intanto non è rientrata per cena, è a prendere un aperitivo con Marco. Benedetta è incredula: la figlia 16enne con un cuoco di quasi 40 anni? Al rientro della figlia, la Parodi sfodera il classico e intramontabile: “Tu non esci più!”.

Ma la figlia non sembra ascoltarla, tanto che il secondo giorno di riprese Marco non si presenta a lavoro e a Benedetta arriva un audio da Matilde: “Siamo a casa di un amico di Marco, mi ha detto che lo sapevi”. La mamma va su tutte le furie e, con il marito, corre a casa dello chef. “Io ti denuncio!”, urla Benedetta a Marco, mentre la figlia sta per farsi fare un tatuaggio da un tatuatore abusivo senza alcun permesso. E dato che Matilde non sembra aver alcuna intenzione di andarsene, non resta che prenderla di peso, con tanto di tirata di capelli!

Guarda qui sotto lo scherzo di Nicolò De Devitiis a Benedetta Parodi.

anticipazione
Una fonte, che preferisce restare anonima racconta dove e come sarebbe stato ammazzato a 18 anni Willy Branchi nel 1988, in un omicidio rimasto finora irrisolto. Domenica, dalle 21.10 su Italia1, lo Speciale Iene di Antonino Monteleone e Riccardo Spagnoli mostrerà il suo racconto integrale, ricostruirà tutto il caso e aggiungerà altre nuove clamorose testimonianze ed elementi

L'ultima puntata

Appuntamenti in TV

Domenica 21.20, Italia 1

I SERVIZI DELL'ULTIMA PUNTATA

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.