>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Bike sharing? A Milano e Roma le biciclette finiscono abbandonate

La società cinese Ofo non ha rimosso i suoi mezzi gialli a Milano: dopo mesi ora la polizia le sta recuperando. Ma sono ancora tantissime quelle lasciate ai bordi delle strade. Come era successo nella Capitale con oBike

Centinaia di biciclette gialle abbandonate che invadono le strade di Milano. Sono i mezzi di Ofo, la società cinese di bike sharing attiva in città dal 2017 che aveva promesso 4.000 mezzi per tutti ma che da inizio 2019 è stata fermata dal Comune per inefficienza. Le bici però sono rimaste lì e da marzo l’amministrazione chiede, inutilmente, che vengano rimosse. La polizia locale si è attivata, da inizio luglio sono stati rimossi oltre 250 veicoli in tutta Milano. Ma il problema rimane e il Comune adesso chiede aiuto ai cittadini.

L’assessore alla mobilità Marco Granelli ne ha parlato su Facebook. Anche grazie alle segnalazioni dei cittadini, ne sono state appena rimosse 28: “Gli agenti sono usciti con il furgone e hanno preso tutte le bici dello sharing che giacevano abbandonate quindi sono state portate in un deposito. Dopo 60 giorni se nessuno le avrà reclamate verranno recuperate e resteranno di proprietà del Comune”. Per chi volesse segnalare al comune di Milano le bici abbandonate, è possibile scrivere alle mail a pl.ufficiocentraleveicoliabbandonati@comune.milano.it oppure a segnalaofoabbandonata@gmail.com. E’ possibile inviare la segnalazione anche via Whatsapp, al numero 3331181117.

Noi de Le Iene vi abbiamo raccontato di un caso simile a Roma: la società di bike sharing Obike è fallita, ha interrotto il servizio e abbandonato per le strade della Capitale i mezzi. Il comitato Passo civico per Roma ha organizzato a luglio una raccolta delle bici abbandonate, recuperandone 52, ma sono 1,.200 quelle lasciate in giro. L’amministratore di Obike Italia Federico Lostumbo sentito da Le Iene non era riuscito a dare una tempistica, né una certezza, su quando i mezzi sarebbero stati ritirati. E il comune di Roma, poco dopo il nostro servizio, ha presentato una denuncia penale contro l’azienda.

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.