>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Fausto Brizzi, il giudice: con i nuovi elementi de Le Iene la Procura potrebbe chiedere la riapertura delle indagini

Lo ha comunicato a Roberta Rei il giudice Alessandro Arturi, che ha archiviato  il procedimento su Fausto Brizzi, denunciato per violenza sessuale da tre ragazze

"Oggi porterò i nuovi elementi che avete raccolto in Procura. Con nuove prove si può chiedere la riapertura delle indagini". Così il giudice Alessandro Arturi, che ha archiviato  il procedimento su Fausto Brizzi, denunciato per violenza sessuale da tre ragazze, a Roberta Rei de Le Iene. Che ha consegnato nelle mani del giudice il plico con le nuovi elementi raccolti dalla trasmissione Le Iene, che dimostrerebbero che una testimonianza nel procedimento che ha portato all'archiviazione del regista sarebbe falsa

La falsa testimonianza sarebbe quella della spagnola Tania Sanchez, che ha messo agli atti tramite l'avvocato di Brizzi Antonio Marino che aveva conosciuto a Ibiza Alessandra Bassi, cioè una delle tre ragazze che hanno denunciato Brizzi per molestie sessuali, e che le avrebbe detto che “per avere un po’ di fama in Italia, bastava andare in tv e dire di essere stata molestata da Brizzi durante un provino”. Secondo la spagnola altre ragazze avrebbero accettato, mentre lei no. L'attrice Alessandra Bassi ha negato di aver mai conosciuto la spagnola e di essere mai stata a Ibiza. Così quando la Iena Roberta Rei porta Alessandra Bassi davanti a Tania Sanchez, quest'ultima non la riconosce, facendo sorgere il dubbio di non conoscerla. Ammette invece di conoscere Fausto Brizzi, ma quando la Iena pone le domande sul procedimento, la spagnola scappa e nega persino di chiamarsi Tania Sanchez. 

Il giudice Alessandro Arturi aggiunge inoltre a Roberta Rei, che gli ha chiesto dell'archiviazione del regista questa mattina a Roma: "Le denunce di due delle tre ragazze sono state archiviate per via dei tempi. A questo non si può porre rimedio se non modificando la legge", dice Arturi riferendosi ai sei mesi di tempo a disposizione di una donna per denunciare una violenza sessuale dal momento della sua consumazione. "Io ho sostenuto anche il fatto che per le ragazze c'è anche comprensione e solidarietà per le situazioni in cui si sono trovate", continua il giudice alla Rei. "Nel mio provvedimento ho fatto capire che ci poteva anche essere spazio per un approfondimento. Se è vero che è stata fatta una dichiarazione falsa, Alessandra Bassi deve denunciare, o comunque il pubblico ministero deve essere portato a conoscenza del fatto che la spagnola avrebbe detto una cosa falsa". 

Guarda qui sotto l'ultimo servizio di Roberta Rei e più in basso tutti i servizi e gli articoli che abbiamo dedicato al caso Brizzi. 

Molestie alle attrici: i nostri servizi

dopo il nostro servizio
La Corte europea dei diritti dell’uomo ha ritenuto ammissibile il ricorso della famiglia di Riccardo Magherini, morto nel 2014 per infarto dopo un fermo dei carabinieri. Noi de Le Iene abbiamo sostenuto assieme ai familiari la raccolta fondi per il ricorso a Strasburgo dopo che la Cassazione ha assolto i tre militari che lo avrebbero picchiato

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.