>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Chico Forti, all'ergastolo negli Stati Uniti: il puzzle della sua storia | VIDEO

Attenzione!
La visione di questo video è vietata ai minori. Accedi per verificare i tuoi dati.Ci dispiace, la tua età non ti permette di accedere alla visione di questo contenuto.

Nella seconda puntata dell’inchiesta di Gaston Zama torniamo a occuparci della vicenda di Chico Forti, da venti anni all’ergastolo negli Stati Uniti per l’omicidio di Dale Pike

Chico Forti da venti anni è recluso in un carcere di massima sicurezza negli Stati Uniti. È stato condannato all’ergastolo per l’omicidio di un uomo a Miami, Dale Pike, figlio del proprietario del “Pike’s Hotel” di Ibiza trovato morto il 15 febbraio 1998. Sin dall’inizio della vicenda Chico Forti non ha mai smesso di gridare la sua innocenza. Vi abbiamo riassunto la sua storia e quanto sembra essere accaduto quel maledetto giorno nel primo servizio di Gaston Zama, che potete rivedere cliccando qui.

“C’è un uomo innocente che ha passato i suoi ultimi venti anni in prigione per incompetenza e corruzione”, sostiene il suo avvocato Joe Tacopina. Nella seconda puntata dell’inchiesta, Gaston Zama analizzerà l’intricato puzzle della storia di quell’omicidio e della posizione di Chico Forti.

Nell’anticipazione che potete vedere qui sopra abbiamo raccolto alcune voci che mettono in dubbio la versione ufficiale. “È impossibile che qualcuno metta degli elementi contro se stessa (sulla scena del crimine, ndr)”, sostiene Roberto, che si è avvicinato a questa storia solo dopo la condanna del nostro connazionale. “Chico si diverte a far venire uno a sue spese, per portarlo a un ristorante dopo averlo aspettato per un paio d’ore all’aeroporto, per ammazzarlo. È geniale”, dice ironicamente l’amico Francesco Guidetti.

L'ultima puntata

Appuntamenti in TV

martedì e domenica ore 21.15, Italia 1

I SERVIZI DELL'ULTIMA PUNTATA

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.