>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Filippo Roma con l'operatore Arioli: “Trattenuti nell'ambasciata della Costa d'Avorio” | AUDIO

Filippo Roma e il suo operatore Fabrizio Arioli stavano cercando di intervistare l’ambasciatore della Costa d’Avorio in Italia, per chiedergli di un presunto mancato pagamento della Tari, la tassa sui rifiuti. La sicurezza dell’ambasciata li trattiene all’interno, avrebbe sottratto telecamera, schede e microfoni. Ora il problema è capire se la polizia italiana può intervenire

 

+++AGGIORNAMENTO 16.00: FILIPPO ROMA: "UN POLIZIOTTO IVORIANO MI HA MESSO LE MAN ADDOSSO. VOLEVANO ARRESTARCI"+++

+++ AGGIORNAMENTO ORE 14.30: FILIPPO ROMA E FABRIZIO ARIOLI SONO STATI LIBERATI DALL'AMBASCIATA GRAZIE ALL'INTERVENTO DEI CARABINIERI  E SONO STATI PORTATI IN CASERMA PER RACCONTARE QUANTO SUCCESSO +++

+++ AGGIORNAMENTO ORE 14: DUE CARABINIERI SONO ENTRATI IN AMBASCIATA +++

“Non ci fanno uscire dall’ambasciata della Costa d’Avorio in Italia, hanno fatto sparire telecamera, microfoni e schede e non ci fanno uscire da qui”. A parlare è Fabrizio Airoli, operatore de Le Iene, che con Filippo Roma è in questo momento rinchiuso nell'ambasciata. Siamo riusciti a raggiungere Arioli al telefono. I due, da oltre due ore bloccato in ambasciata, stavano lavorando sulla notizia relativa ai morosi della Tari, la tassa sui rifiuti, per proseguire l'inchiesta sui rifiuti di Roma. Spiega Marco Occhipinti, autore del servizio:"Abbiamo ricevuto i dati sulla Tari che pare non sia stata pagata dalle ambasciate da Teodoro Fulgione, portavoce della sindaca Raggi. L’ambasciata della Costa d’Avorio avrebbe un debito di  72.426,17 euro di Tari non pagata". Occhipinti ci dà anche il dato dei debiti di alcune delle altre rappresentanze:" Il Camerun 262.700,20,  la Repubblica Araba d'Egitto presso la Santa Sede 198.267,18, la Turchia 117.034,87, la Siria 93.631.01". 

Arioli ci racconta quello che sta succedendo in questi minuti, mentre in sottofondo si sentono le voci concitate del personale dell’ambasciata. 

“Dopo aver visitato una mezza dozzina di rappresentanze diplomatiche, tra cui quella del Camerun, del Sudan e della Turchia, questa mattina siamo venuti all’ambasciata della Costa d’Avorio nella speranza di poter incontrare l’ambasciatore. Non è chiaro se l’ambasciata di questo paese avesse regolarizzato la sua presunta posizione debitoria, ma non abbiamo fatto in tempo a chiedere spiegazioni. A un certo punto infatti sono arrivati 4 o 5 uomini della sicurezza e ci hanno tolto tutto, spiegando che non potevamo filmare all’interno". Nel frattempo dall'ambasciata hanno chiamato la polizia, che starebbe per arrivare. "Ma non avrebbero alcun potere, perché l’ambasciata è territorio ivoriano. E da qui, dopo averci sequestrato il materiale, non ci fanno uscire, sembra che ci stiano trattenendo”. Al momento fuori dall'ambasciata ci sono 4 volanti dei carabinieri e 2 auto della polizia, come potete vedere nel video che pubblichiamo qui sotto.

 

Pochi minuti fa abbiamo provato a ricontattare Fabrizio Arioli, visto che il cellulare di Filippo Roma è spento. Ma i due non rispondono più. Vi terremo aggiornati sugli sviluppi di questa vicenda minuto per minuto. 

dopo il nostro servizio

Il ministro degli Esteri ha sentito in videoconferenza l’ambasciatore italiano a Washington, Armando Varricchio, per fare il punto della situazione. Noi de Le Iene ci stiamo occupando da tempo del caso di Chico Forti. La prossima settimana torneremo a parlarne con un nuovo servizio del nostro Gaston Zama

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.