>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Giornata del Parkinson: la storia dell'invincibile pescatore Max | VIDEO

Nel mondo almeno 6 milioni di persone soffrono del morbo di Parkinson. Oggi è la giornata dedicata a loro, li ricordiamo con la storia dell’invincibile pescatore Max

È la giornata mondiale del Parkinson, un morbo che interessa almeno 6 milioni di persone, 300mila solo in Italia. A causa dell’invecchiamento della popolazione si teme che questi numeri nei prossimi 20 anni possano raddoppiare. È una malattia neurodegenerativa, lenta e progressiva, che coinvolge le funzioni del controllo dei movimenti e dell'equilibrio. Matteo Viviani ci ha raccontato la storia del pescatore Max, "l'invincibile", malato da quando aveva 17 anni di Parkinson e l'intervento riuscito a 45.

“Più cerchi non tremare, più tremi”, ci ha detto. Nonostante questo, incurante dei dolori, dopo aver perso il lavoro, se ne era inventato un altro. Si alzava prima dell’alba e andava a pescare con la sua barchetta sul lago di Como. “La vita va vissuta in ogni caso: mai mollare”, diceva anche se era costretto a camminare meccanico come un robot, riuscendo a dormire al massimo due ore a notte. A 45 anni, ha affrontato “l’intervento della vita”, al cervello. L’operazione è riuscita: per la prima volta riusciva a tenere le mani ferme. "Prima ogni pisciata era una sega”, ride. Voi lo avete voluto aiutare ancora di più: con le vostre donazioni gli avete comprato un salparete, per tirare su le reti da pesca senza fare una fatica troppo grane per lui.

Quando Matteo Viviani è tornato da lui un paio di anni fa, ci ha raccontato di un’altra sfortuna. Gli elettrodi che gli hanno impiantato nel cervello hanno fatto infezione: succede in un caso su 35mila. Per un anno e mezzo gli hanno “spento” gli elettrodi ed è tornato all’inferno. Ora li hanno “riaccesi”. “Stavo meglio prima dell’operazione”, racconta.

Max l’invincibile è caduto in depressione. Barca, il salparete e la pescheria? Tutto venduto. “Sarà per la prossima vita”, dice amareggiato a Matteo Viviani. Oltre al Parkinson si trova a combattere contro la depressione. La Iena lo riporta sul lago, lo vuole riportare in barca, vuole che oltre a uno psichiatra incontri anche uno psicologo. Max tentenna in lacrime, ma poi accetta la fida di ripartire: “Dai, ci proviamo”.

dopo il nostro servizio

Il boss della ‘ndrangheta, che in passato era già stato latitante per ben 23 anni, stava per essere estradato in Italia, dove deve scontare 30 anni di carcere. Giulio Golia era andato sulle sue tracce a Punta del Este, il paradiso discreto scelto da boss internazionali e signori della droga

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.