>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Salvini: sì alla cittadinanza a Rami grazie a Le Iene | VIDEO

Alessandro Di Sarno voleva bullizzare Salvini come lui avrebbe fatto con il piccolo Rami, uno degli eroi del pullman del terrore. Ma il loro incontro finisce in modo inaspettato, la Iena convince il ministro a dare la cittadinanza italiana a Rami

“Noi dovremmo fare una legge per proteggere i minori dal ministro dell’Interno, Matteo Salvini che li bullizza attraverso i suoi canali social”, ha detto in parlamento l’onorevole Alessia Morani del Pd. Qualche giorno fa queste accuse si sono scatenate di nuovo sul segretario della Lega,  quando se l’è presa con Rami, uno dei ragazzi che viaggiava sul pullman del terrore. Una vicenda che anche grazie anche alla sua telefonata ai carabinieri si è conclusa senza vittime.

Rami è nato in Italia da genitori egiziani, sogna di diventare cittadino italiano ma Salvini ha risposto che la cittadinanza “non è un Luna Park”. Il ministro ha detto anche “è una scelta che potrà fare quando diventerà parlamentare per intanto la legge sulla cittadinanza va bene così com’è”.

Alessandro Di Sarno allora decide che saremo noi per una volta a tentare di bullizzarlo.

Però Salvini è circondato dalle guardie del corpo e Di Sarno non riesce ad avvicinarsi abbastanza per maltrattarlo come vorrebbe. Da lontano gli parla di Rami e Salvini dice che “potrebbe essere mio figlio”. Le guardie del corpo fanno strani gesti perché Di Sarno in mano ha qualcosa di molto pericoloso.

Si tratta di una enorme spilla tonda con sopra la scritta “Sono un bullo”. Salvini che dopo il servizio sulla droga e i parlamentari è diventato grande amico di Di Sarno, accetta di attaccarla alla giacca. Però ci tiene a precisare che lui non è un bullo, è uno che difende i bullizzati dai bulli.

Tornato in redazione la Iena ripensa alle parole di Salvini e decide di tornare da lui per fare ordine nella sua testa.

Nella sede della Lega Alessandro, che ormai segue Salvini come un’ombra, gli chiede “chi più del figlio putativo del ministro degli Interni merita la cittadinanza italiana”?

Salvini dà qualche risposta in politichese e allora Di Sarno gli chiede di rispondere con il cuore. Evidentemente Di Sarno è irresistibile perché Salvini cede e dice sì alla cittadinanza a Rami.

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.