>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Palermo: il cancello che chiude il cortile sarà rimosso | VIDEO

Finalmente il cortile degli Schiavi tornerà ai cittadini, dopo che l’accesso era stato chiuso da un cancello nonostante il cortile fosse pubblico. Antonino Monteleone aveva chiesto spiegazioni all'assessore alla Mobilità di Palermo, che era fra i condomini che beneficiavano di quel cancello

Il cortile degli Schiavi tornerà ai cittadini. Antonino Monteleone ci ha raccontato del condominio nel centro di Palermo che ha posizionato un cancello con serratura in prossimità del varco al Cortile degli Schiavi. Il cortile è pubblico e in quanto tale dovrebbe essere accessibile a tutti.

Proprio in quel palazzo ci abita Giusto Catania, assessore del Comune con delega alla mobilità. “Questo cancello è autorizzato tant’è che ho preso l’autorizzazione dal Comune e l’ho consegnata ai vigili urbani”, ha spiegato l’assessore a Monteleone nel servizio che potete vedere qui sopra. E quando abbiamo chiesto a Catania di farci vedere l’autorizzazione ci ha detto di chiederla ai vigili. Negli atti però c’è scritto che “l’ufficio della Città Storica, non ha autorizzato né concesso l’uso del Cortile degli Schiavi come si evince dagli elaborati di progetto che non riportano alcun cancello”.

“Chiederò al responsabile della Città storica se questo cancello può essere tolto con un provvedimento”, è la promessa che siamo riusciti a strappare al sindaco di Palermo, Leoluca Orlando. E ora, dopo le verifiche da parte degli uffici, è finalmente arrivata l’ordinanza di rimozione. Il Comune l’ha pubblicata e il cortile degli Schiavi ora torna ai cittadini!

L'ultima puntata

Appuntamenti in TV

Martedì e Giovedì ore 21.20 Italia 1

I SERVIZI DELL'ULTIMA PUNTATA

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.