>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Reddito di cittadinanza: requisiti per stranieri, in un campo rom | VIDEO

Il governo Conte ha introdotto il reddito di cittadinanza anche per gli stranieri. Stefano Corti e Alessandro Onnis sono andati a spiegarlo nei campi nomadi per scoprire chi ha tutti i requisiti per richiederlo

Il reddito di cittadinanza? Non solo gli italiani, anche gli stranieri possono richiederlo. E così Stefano Corti e Alessandro Onnis sono andati a spiegarlo nei campi nomadi scoprendo tante persone che possono richiederlo.

È possibile richiederlo per chi ha la cittadinanza italiana da almeno 10 anni o vive nei paesi dell’Unione Europea. Si deve avere un reddito inferiore ai 9.360 euro. Un patrimonio immobiliare non superiore a 30mila euro (l’eventuale prima casa è esclusa da questo conteggio: si può averla e chiedere il reddito di cittadinanza, anche se ridotto) e un patrimonio mobiliare al di sotto dei 6mila euro. Ma anche non possedere autoveicoli e motocicli di grossa cilindrata immatricolati di recente e navi o imbarcazioni.

Molti però non parlano bene l’italiano e online spuntano i tutorial per prendere il reddito di cittadinanza. Noi siamo andati a spiegarlo direttamente nei campi nomadi e a scoprire chi ha tutti i requisiti. “Voi siete tutti ladri”, ci accolgono alcuni di loro.

Chiediamo quanto guadagnano all’anno, se hanno case o beni di loro proprietà e auto. E alla fine scopriamo che tante persone sono nella situazione di poterlo richiedere, così le indirizziamo nei caf più vicini! C’è chi ringrazia “Mario Salvini” e chi “Salvito e Di Maio” per averlo introdotto.

Nelle scorse settimane anche Gaetano Pecoraro si era interessato del reddito di cittadinanza. La Iena ha incontrato quattro italiani che possono richiederlo. Tra loro c’è chi è senza una casa, chi vive in dormitorio e chi ha due figli e lo sfratto. Grazie a Le Iene sono arrivati anche aiuti concreti e qualche offerta di lavoro

dopo il nostro servizio
La Corte europea dei diritti dell’uomo ha ritenuto ammissibile il ricorso della famiglia di Riccardo Magherini, morto nel 2014 per infarto dopo un fermo dei carabinieri. Noi de Le Iene abbiamo sostenuto assieme ai familiari la raccolta fondi per il ricorso a Strasburgo dopo che la Cassazione ha assolto i tre militari che lo avrebbero picchiato

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.