>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Licenziato e non risarcito da una sua società? Tiziano Renzi lo insulta | VIDEO

Filippo Roma è andato dal papà dell’ex premier Matteo Renzi con il nigeriano Omoigui Evans, che secondo una sentenza dovrebbe avere 90mila euro da una sua società e ha perfino composto una canzone sul tema. Babbo Tiziano gli ha dato della “faccia di merda” e ora regala un’altra chicca su Facebook

Un mese fa Tiziano Renzi aveva detto a Filippo Roma di venirlo a trovare nella sua azienda, nel servizio dell’11 dicembre 2018 su alcuni fabbricati abusivi e alcuni casi in cui ci sarebbe stato del lavoro in nero in alcune sue società (clicca qui per vederlo). Non solo, aveva anche aggiunto “Tutti quelli che hanno ancora da avere da Arturo srl, vengano da noi, si facciano vedere, ne rispondo io”.

Così siamo andati davvero, nella sua azienda di Rignano sull’Arno (Firenze), dal padre dell’ex premier Matteo Renzi portando con noi anche Omoigui Evans, un ex lavoratore nigeriano di una società di Babbo Renzi che distribuiva giornali a Genova, l’Arturo srl, appunto, di cui Tiziano è stato anche amministratore unico e liquidatore e non solo proprietario.

L’ex strillone nigeriano sostiene di essere stato licenziato ingiustamente e di dover avere ancora 90mila euro di risarcimento dal 2011, stabiliti da una sentenza, come spieghiamo dettagliatamente nel nuovo servizio qui sopra. Sul tema Evans ha anche composto una canzone che continua a cantare accompagnato dal suo tamburello durante tutto l’incontro: “Io ballerò finché Renzi non mi pagherà, io ballerò…”.

Tiziano Renzi non prende benissimo la nostra vista, anzi, diciamolo, la prende proprio male. “Lei è un ballista!” è il suo esordio con Filippo Roma. Va peggio, poco dopo, a Omogui Evans: “Ci vediamo in Tribunale, faccia di merda!”. Basta guardare le immagini per capire come è andata a finire, ovvero che Evans dovrà ballare ancora per molto.

Durante la trasmissione Tiziano Renzi ha replicato con un post su Facebook, in cui si proclama “capro espiatorio” e annuncia azioni legali (clicca qui per vederlo).

Poco fa ha regalato quest'altra chicca su Facebook: “Sto ingoiando tanti di quei rospi che cagherò principi azzurri per i prossimi anni”.

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.