>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Esclusivo / Strage di Erba, Rosa Bazzi parla di Pietro Castagna | VIDEO

Nuovo appuntamento con l’inchiesta di Antonino Monteleone e Marco Occhipinti. E con la seconda parte dell’intervista esclusiva in carcere a Rosa Bazzi, condannata in via definitiva per la strage di Erba

Parla di Pietro Castagna, se la prende con giudici e inquirenti e lancia il suo grido disperato: “Sono dentro da 12 anni per qualcosa che non ho commesso e perché bruciano le prove che potrebbero farmi uscire?”. A parlare, per la prima volta in tv dopo 12 anni, è Rosa Bazzi nella seconda parte dell’intervista esclusiva con Le Iene dal carcere di Bollate, dopo che una settimana fa vi abbiamo trasmesso la prima (clicca qui per vederla).

E questi sono solo alcuni degli elementi clamorosi che emergono da questo nuovo appuntamento con l’inchiesta di Antonino Monteleone e Marco Occhipinti sulla strage di Erba, ovvero sull’omicidio di Raffaella Castagna, del figlio Youssef Marzouk, della madre Paola Galli e della vicina di casa Valeria Cherubini avvenuto a Erba (Como) l’11 dicembre 2006 per cui sono stati condannati all’ergastolo in via definitiva Rosa Bazzi e il marito Olindo Romano. Del caso ci occupiamo da mesi, anche con lo speciale “Rosa e Olindo: due innocenti all’ergastolo?” (clicca qui per vederlo). Qualche mese fa abbiamo intervistato in carcere, sempre in esclusiva, anche Olindo Romano.

Rosa Bazzi si proclama innocente ed è convinta di pagare con il carcere solo per la sua confessione, poi smentita, suggeritale da una prima strategia difensiva, che venne presentata anche in video. La sua confessione agli inquirenti, tra l’altro, era piena di errori e contraddizioni, come quella del marito Olindo Romano. Il criminologo Massimo Picozzi, che girò quei video, e l’avvocato della coppia del tempo, Pietro Troiano, si rifiutano però di parlarne con noi.

Nella prima parte dell’intervista, Rosa Bazzi ha detto di aver visto entrare nella palazzina la sera della strage un uomo mai visto prima, con una giacca, un cappello e un sacchetto di plastica. E di aver informato i carabinieri, ma di non essere stata ascoltata. Dopo queste dichiarazioni Azouz Marzouk, che perso la moglie e il figlio nella strage, ha chiesto alla Procura Generale di Milano, ha chiesto sia audita la detenuta, in vista di una richiesta di revisione del processo.

Sui giornali si parlava invece soltanto di un presunto nuovo amore della donna nato in carcere, che Le Iene stasera sono in grado di smentire, avendo parlato sia con la direzione dell'istituto penitenziario di Bollate, sia con il detenuto, che un giornale di Como sosteneva si fosse innamorato di Rosa. Gli interessati sostengono non ci sia niente di vero e la difesa di Rosa e Olindo si chiede se non si tratti di un gossip inventato per far parlare d'altro, piuttosto che ascoltare tutto ciò che Rosa Bazzi ha voluto denunciare nel corso della lunga intervista.

Antonino Monteleone l'avverte: "Questa intervista che stiamo girando, indispettirà i fratelli di Raffaella Castagna che quando vedranno Rosa che spiega le sue ragioni, loro diranno questa cosa ci fa soffrire, perché loro sono sicuramente colpevoli e noi siamo le vittime incolpevoli di questa strage". E Rosa risponde: "Beh hanno ragione perché gli è morta una sorella, gli è morta una mamma e un nipotino. Però proprio colpevoli non devono proprio dire che siamo colpevoli, devono sedersi a tavola con me, e vedere, poi Pietro deve sedersi a tavola con me e vedere chi è colpevole di noi due. Non lo tagliare questo pezzettino".

"Cioè, qual è il problema", le chiede Monteleone. "Ti dico se io fossi Pietro Castagna, no? Direi ma io non ho fatto le indagini, le ha fatte qualcuno al posto mio sì, io non ho giudicato, qualcun altro ha giudicato per me. Perché io non dovrei fidarmi di quello che dicono i giudici, che sono la massima autorità che può occuparsi di risolvere un caso di omicidio del genere? Cioè se i giudici mi hanno detto che Rosa Bazzi e Olindo Romano sono colpevoli… il fatto che loro siano in galera per noi è motivo di soddisfazione. Chi ha tolto la vita ai miei cari, marcisce in galera. Eh tu adesso però… mi fai capire che punti l’indice contro Pietro, è un po’ impegnativa come cosa. Perché dici questa cosa?".

E Rosa Bazzi risponde: "Perché erano sempre in guerra, erano sempre a litigare, forse litigavano di più loro che noi due, io e la Raffaella, per il casino", paragonando le liti tra i due fratelli a quelle tra lei e la vicina di casa. Antonino Monteleone le chiede: "Ma l'hai visto Pietro, ti pare uno che avrebbe potuto uccidere quelle persone?". La risposta della Bazzi è lapidaria: “Questo non lo so. Lei ha visto me e Olindo che ammazziamo quattro cristiani?!”.

Pietro Castagna era stato avvicinato dalla Iena durante lo speciale sulla Strage di Erba “Rosa e Olindo, innocenti all’ergastolo” di Antonino Monteleone e Marco Occhipinti. Nella quinta parte, Castagna si è detto convinto della colpevolezza di Rosa e Olindo e che “non ci sono assassini in libertà”.  

Rosa Bazzi racconta di essersi confrontata più volte anche a Olindo di quelle famose confessioni: “Se avessi fatto di testa mia, non l’avrei fatte”. Su lei e Olindo preferisce comunque non aggiungere molto di più, anche se le “divergenze” sono palesi.

Ora spera di poter avere intanto il permesso di lavorare fuori dal carcere. Si commuove, si ferma nel racconto, e dopo aver passeggiato un po’ per la stanza, poi riprende.

Dal futuro si aspetta che venga fuori la verità anche se ha perso fiducia nella giustizia dopo gli errori che secondo lei sarebbero stati commessi durante le indagini e i processi: “Loro sono fuori e io in carcere, è meglio due stupidi in carcere che ammettere gli errori”.

Come sarà se e quando uscirà dal carcere? “Me lo chiedo tutti i giorni, tra paura e insicurezze, anche se oggi ho più coraggio. Io lo so che non ho fatto niente”.

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.