>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Nuovi guai per l'autista della banda dei Rolex fermato con Cerciello Rega

Cercavano di comprare veri orologi di lusso pagandoli con assegni falsi: li ha scoperti Luigi Pelazza, fermandoli con l’aiuto del carabiniere che è stato ucciso poi a Roma 

Nuovi guai per Ciro Casino. Per il 47enne napoletano, già nel mirino del servizio che vedete qui sopra di Luigi Pelazza, arriva l’avviso di conclusione delle indagini per una tentata truffa sempre sugli orologi di lusso avvenuta a Lucca nel 2018.

Il metodo era lo stesso della truffa della banda dei Rolex smascherata in aprile da Le Iene a Roma. In quella occasione l’uomo faceva l’autista del gruppo criminale, che aveva appena cercato di vendere un finto orologio di lusso a un nostro complice, accompagnato poi allo scambio dalla Iena.

Il meccanismo era semplice quanto efficace: rispondere agli annunci veri di chi vuole vendere un Rolex e poi, al momento dello scambio, rifilare il classico “pacco”. Come? Pagando con assegni circolari falsificati, clonati, e dunque pezzi di carta di nessun valore.

Le indagini sulla nuova truffa Ciro Casino erano partite dalla denuncia di un uomo che a giugno 2018 aveva messo un annuncio per vendere un “Submarine 16613 Sultan” in oro e brillanti del valore di circa 8mila euro. L’incontro con l’acquirente “Marco”,dietro il quale si nascondeva appunto il 47enne campano, avviene in una banca di Lucca e il truffatore consegna l’assegno circolare emesso da una banca del casertano. Allo sportello sembra tutto regolare, “Marco” riceve il rolex ma quando il venditore va a incassare l’assegno arriva la doccia fredda: è falso.

Un anno dopo questo episodio anche noi de Le Iene ci eravamo imbattuti in Ciro e nella sua banda, quando Luigi Pelazza gli ha teso un tranello accompagnando in banca un venditore che ci aveva segnalato l’affare sospetto.

La tentata truffa terminata con il fermo di Casino e dei suoi due complici. All’arresto ripreso nel nostro servizio aveva partecipato anche il vice brigadiere Mario Cerciello Rega, il carabiniere di 35 anni ucciso con 8 coltellate lo scorso luglio a Roma durante un’operazione in borghese (qui sotto trovate tutti i servizi e gli articoli dedicati a quest’ultimo caso).

 

Carabiniere ucciso: i nostri articoli e servizi

anticipazione

Nella puntata di martedì de Le Iene Antonino Monteleone e Marco Occhipinti si occupano di uno strano caso di molestie sessuali ai danni di una ragazza sulla metropolitana di Roma. Sashi, questo è il nome del domestico cingalese accusato di avere palpeggiato la giovane, è davvero colpevole?

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.