>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Indagine shock su allevamenti asiatici: “Volpi bastonate e scuoiate vive per pellicce” | VIDEO

Gli investigatori di Humane Society International hanno registrato queste terribili immagini in undici allevamenti selezionati casualmente in un paese asiatico. L’organizzazione non esclude che “le pellicce di questi animali possano arrivare anche in Italia”

Sono immagini terribili quelle riprese dagli investigatori di Humane Society International in undici allevamenti di un paese asiatico, tra i maggiori produttori ed esportatori di pellicce in tutto il mondo. Le inquietanti immagini che potete vedere qui sopra mostrano i maltrattamenti che questi animali subiscono, come le ripetute ripercussioni alla testa che lasciano l'animale rantolante a terra. “Scene infernali” le ha definite Martina Pluda, Direttrice di Humane Society International Italia.

L’organizzazione Humane Society non esclude che le pellicce così ricavate dagli animali possano arrivare anche in Italia, che importa da paesi asiatici. Come riporta Humane Society International, nel 2017 il valore importato è stato di 89,6 milioni di dollari, il 34% del quale (30,6 milioni di dollari) dalla sola Cina.  

“Questi animali sono condannati a una vita alienante in minuscole gabbie e ad una morte terrificante”, ha detto Martina Pluda. “Colpiti alla testa con una barra di metallo e spesso scuoiati vivi. Chiunque pensi che la pelliccia sia un oggetto di lusso deve guardare i nostri filmati per rendersi conto che non è così. Ogni designer che presenta le pellicce in passerella, ogni rivenditore che le mette sugli scaffali dei propri negozi e ogni consumatore che le indossa, finanzia questa vergogna che non è né glamour né trendy. È una crudeltà e i consumatori, in Italia e nel mondo, possono aiutarci rifiutando di comprare e indossare capi e accessori di pelliccia”.  

“Finché permetteremo l’allevamento di visoni”, continua la direttrice di Humane Society International, “rimarremo il fanalino di coda in Europa. Già molti paesi come l’Austria, la Slovenia, il Regno Unito hanno vietato gli allevamenti di animali da pelliccia e molti altri, ad esempio la Germania, li stanno eliminando gradualmente. L’Italia deve intraprendere questo primo passo importante, seguito da un divieto d’importazione e vendita”. Proprio gli allevamenti di visoni sono stati al centro dei riflettori in questi mesi per la vicenda dell’abbattimento di 10mila visoni in Olanda dopo alcuni casi di sospetto contagio da coronavirus dagli animali all’uomo, in particolare a due allevatori. Un caso che ha colpito successivamente anche la Danimarca, dove circa 11mila visoni sono risultati positivi al Covid-19. Un tema che abbiamo approfondito a Iene.it: aspettando Le Iene. Giulia Innocenzi ha intervistato in merito l’allevatore Massimiliano Filippi (clicca qui per vedere l’intervista).

Secondo i dati riportati da Humane Society International, sarebbero 100 milioni gli animali uccisi in tutto il mondo ogni anno per la pelliccia, ovvero tre animali al secondo. Mentre in Italia, secondo i dati di Essere Animali, sono presenti ancora oltre 10 allevamenti in Lombardia, Emilia-Romagna, Veneto e Abruzzo dove vengono allevati 100.000 visoni.  

Un anno fa, il 13 agosto, ci lasciava la nostra Nadia. Ad un anno di distanza i suoi compagni di viaggio la raccontano, la ricordano, e la festeggiano. Le Iene per Nadia. Giovedì 13 agosto su Italia Uno in prima serata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.