>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Cannabis light, il fondatore di EasyJoint: “Chiudo e richiedo le tasse allo Stato” | VIDEO

Nella prima puntata di “Iene.it: aspettando Le Iene”, il nuovo format digital condotto da Giulia Innocenzi, il fondatore di EasyJoint Luca Marola ci racconta la sua idea per contrastare la guerra alla cannabis light: “Chiamerò lo Stato come correo nel processo per spaccio a mio carico, è stato mio complice accettando le tasse sui miei prodotti”

“Chiudo EasyJoint e chiedo indietro allo Stato i soldi delle tasse”. Luca Marola non molla nella sua battaglia contro la criminalizzazione della cannabis light. Il fondatore di EasyJoint è stato ospite della prima puntata di “Iene.it: aspettando Le Iene”, la nuova fascia digital condotta da Giulia Innocenzi e trasmessa su Mediaset Play, sul nostro sito e sulla pagina Facebook del programma prima di ogni puntata de Le Iene. Ci ha raccontato cosa è successo negli ultimi anni, com’è la situazione oggi e la sua idea per tenere accesi i riflettori sul destino della cannabis light.

La storia di EasyJoint inizia il 14 gennaio 2017, quando entra in vigore la legge che regola la commercializzazione della canapa industriale: una pianta con meno dello 0,2% di thc. Nella legge non si parla del fiore, e quindi Marola ne approfitta e nasce la cannabis light. In poco tempo l’idea ha successo e la sua azienda ha un successo strepitoso: in un anno arriva a fatturare un milione e mezzo di euro. La favola però dura poco: tra “guerra alla droga” di Salvini e tribunali, la cannabis light finisce nell’occhio del ciclone. Via ai sequestri e ai processi, tantissime persone finiscono alla sbarra con le accuse di spaccio. Tra queste c’è anche Luca, che rischia dai 6 ai 20 anni di carcere. Un settore che in poco tempo era arrivato a dare lavoro a circa 12mila persone all’improvviso finisce in ginocchio.

Luca però non demorde e ha un’idea, che racconta a Giulia Innocenzi: “Ho messo in liquidazione EasyJoint, perché l’oggetto sociale ad oggi sembra illecito: non è possibile commercializzare le infiorescenze della canapa. In ogni grado di giudizio del processo per spaccio chiamerò lo Stato come correo, perché è stato mio complice accettando le mie tasse e in particolare l’Iva”. E “chiederò indietro l’Iva”.

Non sappiamo come andrà a finire la battaglia di Luca Marola, ma quello che sappiamo per certo è che questa è solo la prima di tante puntate di “Iene.it: aspettando Le Iene”. La nuova fascia digital è condotta da Giulia Innocenzi e trasmessa su Mediaset Play, sul nostro sito e sulla pagina Facebook del programma prima di ogni puntata de Le Iene. In questa nuova striscia vengono presentati contenuti inediti pensati e realizzati dalla redazione digital de Le Iene, anteprime di quanto sarà mostrato durante le puntate del programma su Italia1, approfondimenti originali e interviste agli ospiti presenti in studio.

Per rivedere l’intervista a Luca Marola e tutti gli altri contenuti originali di questa puntata, guardate il video in testa a questo articolo.

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.