>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News | di Simone Carcano |

Roma, scuole senza banchi: lezioni in ginocchio per i bambini | FOTO ESCLUSIVE

Roma, scuole senza banchi: lezioni in ginocchio per i bambini

 
1 di 3

Bambini in ginocchio per seguire le lezioni perché i banchi monoposto sono in ritardo e quelli vecchi non garantiscono il distanziamento sociale. È il disagio che stanno vivendo oltre 700 studenti dell’istituto comprensivo Rita Levi Montalcini di Roma

Bambini seduti in ginocchio sul pavimento e sedie come banchi. Sembrano scene di un castigo, mentre è la realtà visto che a mancare sono proprio i banchi. Così devono seguire le lezioni i bambini e ragazzi dell’istituto comprensivo Rita Levi Montalcini di Roma che comprende elementari e medie. Un problema che vi abbiamo anticipato qualche giorno fa qui su Iene.it (leggi l’articolo). 

Oggi quelle parole hanno un’immagine con le foto che vi mostriamo in esclusiva qui sopra. Tutta colpa del ritardo dei banchi monoposto che da questo anno scolastico sono necessari per mantenere il distanziamento sociale e prevenire i contagi da Covid-19. A quanto si apprende la scuola avrebbe ordinato i banchi mandando in pensione quelli biposto usati fino a febbraio. Ma dopo 7 mesi di chiusura, lunedì è suonata la prima campanella, e nelle aule gli studenti hanno trovato soltanto le sedie.

“I bambini sono costretti a stare seduti sulla sedia oppure a inginocchiarsi sul pavimento e usare la sedia come banco”, spiegano alcuni genitori che hanno contattato Iene.it. “Una situazione inaccettabile che rischia di prolungarsi almeno fino a novembre”. Nelle aule non è possibile riposizionare i vecchi tavoli a due posti perché non garantirebbero più il distanziamento sociale tra gli alunni. Alcuni di questi sono stati messi nei corridoi dove a rotazione gli studenti si possono appoggiare in sicurezza per scrivere o disegnare. “Poi devono rientrare in classe dove i banchi non ci sono”, spiegano i genitori. “Qualcuno si è chiesto se questa situazione causerà problemi alla postura dei nostri figli?”.

Una situazione che non sembrerebbe unica nel Paese: nei giorni scorsi è diventata virale l'immagine di alcuni studenti di una scuola di Genova, anche loro costretti a usare le sedie come banchi inginocchiati sul pavimento. Il preside dell'istituto ha definitio "un'ingenuità" dell'insegnante fare circolare la foto. I banchi sono poi arrivati il giorno successivo, ma il problema dei ritardi nella consegna dei banchi resta.

I medici legali di Tor Vergata avrebbero trovato una ferita di 7 centimetri sul cuore del 21enne ucciso a Colleferro e gli organi interni tutti lesionati. A parlarci della brutalità del branco che avrebbe infierito su Willy Monteiro Duarte era già stato un testimone indiretto della rissa: “Gabriele gli ha dato un calcio al torace e un pugno alla tempia, poi una volta a terra lo hanno colpito tutti”

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.