>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
Play
Le motivazioni della sentenza che condanna Edson Tavares a 15 anni, 5 mesi e 20 giorni di reclusione non gli concedono nessuna attenuante. Noi avevamo conosciuto Gessica Notaro con Veronica Ruggeri

Sono arrivate le motivazioni delle sentenza che condanna l’ex fidanzato che ha sfregiato con l’acido Gessica Notaro, Edson Tavares.

La loro relazione va avanti per tre anni tra alti e bassi. Poi si lasciano e lui diventa geloso e violento. Tanto che Gessica temeva che lui potesse aggredirla con l’acido. Il 10 gennaio del 2017, l’incubo di Gessica diventa realtà. “Ho pensato, cazzo, l’ha fatto veramente”, ha detto a Veronica Ruggeri. “Bruciava tanto, mia madre mi ha aperto la porta e le ho urlato: ‘Mi sto sciogliendo vero? Mi sto sciogliendo?’ E lei è rimasta di sasso sulla porta così e mi ha fatto di sì con la testa”.

Da quel giorno la vita di Gessica cambia per sempre. Entra ed esce dagli ospedali per sottoporsi continuamente a interventi chirurgici. Il suo aggressore è stato condannato a 15 anni, 5 mesi e 20 giorni di reclusione. Ecco le motivazioni dei giudici: Tavares ha agito con la “ferma volontà di punire per sempre la vittima privandola non solo della sua speciale bellezza, ma della sua stessa identità". Quindi per lui nessuna attenuante. E Gessica, pubblicando le foto su Facebook del suo volto sfregiato, ha ringraziato dicendo che giustizia è stata fatta.

Altri servizi di questa puntata

video più visti

vedi tutti

Ultime puntate

Archivio Puntate
2019
2019
  • 2019
  • 2018
  • 2017
  • 2016
  • 2015
  • 2014
  • 2013
  • 2012
  • 2011
  • 2010
  • 2009
  • 2008
  • 2007
  • 2006
  • 2005
  • 2004
  • 2003
  • 2002
  • 2001
  • 2000
  • 1999
  • 1998
  • 1997
Apr
Apr
mar 30
mar 30

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.