>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

News | di TOFFA |

“Palazzo della droga”, i numeri del blitz

Dopo la denuncia di Nadia Toffa 98 appartamenti sono stati restituiti ai legittimi proprietari

Centottanta appartamenti controllati, 68 perquisiti e 98 restituiti ai legittimi proprietari. Sono i numeri del blitz nel “palazzo della droga” di Milano.

Qualche giorno fa è scattato il blitz delle forze dell’ordine nello stabile dove microcriminalità, affitti in nero e abusivismi sono all’ordine del giorno.

In via Cavezzali 11 sono state controllate oltre duecento persone: 43 sono finite indagate, a queste si aggiungono i due soggetti risultati destinatari di ordinanza per la carcerazione a cui è stato emesso decreto di sospensione della pena.

Inoltre, 11 occupanti sono stati trattenuti ai Cpr di Potenza, Torino e Roma. Per altri 10 il Prefetto ha emesso l’espulsione dall’Italia entro una settimana, a cui si aggiungono altri 5 destinatari del decreto di allontanamento e per 18 magrebini è stato disposto l’immediato rimpatrio.

Inoltre sono state sequestrate dieci auto e due moto presenti all’interno del palazzone durante il blitz.

Nel servizio della nostra Nadia Toffa dello scorso 11 marzo vi avevamo mostrato come un nostro complice si era introdotto nella struttura di via Cavezzali fingendosi ricercato per motivi religiosi. “Sono della famiglia dell’Isis”, aveva dichiarato. Ma, come mostrano le registrazioni, nessuno si sarebbe fatto alcun problema nel dargli una camera.


Guarda il servizio completo qui sotto

 

L’addio alle vittime, salite a 43, del crollo del Ponte Morandi dell’autostrada A10 tra applausi per Mattarella, governo e soccorritori (e fischi per i politici Pd). La società gestita dai Benetton si scusa perché percepita come distante ma non si assume la responsabilità della strage. L’esecutivo: via la concessione. Video e foto raccontano la tragedia 

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.