>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

News | di ROMA |

Auguri Francesco! 70 anni festeggiati senza le cure che spetterebbero per legge | VIDEO

È malato di SLA e la Regione Calabria non gli garantisce l'assistenza cui avrebbe diritto. Filippo Roma era andato a capire il perché

Nei giorni scorsi il nostro amico Francesco, malato di SLA che abbiamo conosciuto nel servizio di Filippo Roma sulla sanità calabrese, ha compiuto 70 anni. Nel video potete vedere la sua vecchia band, in cui Francesco suonava come batterista, che ha fatto irruzione in casa sua per fargli una sorpresa proprio nel giorno del suo compleanno. Il video ce l'ha mandato Luca, il figlio di Francesco. Nelle immagini si vede Francesco che segue il ritmo con le dita e si diverte, immobilizzato nel letto a causa della sua malattia. La Iena lo aveva intervistato per un servizio andato in onda un mese fa in cui abbiamo denunciato come Francesco sia stato abbandonato dalla sanità della regione Calabria, che non gli garantisce le cure adeguate in regime LEA (Livelli Essenziali di Assistenza) che gli spettano di diritto. Nel corso del nostro servizio Filippo Roma si era imbattuto nello strano personaggio di Pietro Filippo, un medico e dirigente di Cosenza, che nonostante una condanna in Cassazione per truffa reiterata ai danni dello Stato non solo non è stato licenziato, ma è stato addirittura promosso come direttore di una UOC (Unità operativa complessa). Mentre il povero Francesco, per mancanza di fondi, non riesce ad accedere alle cure necessarie. E cioè un'assistenza 24 ore su 24.

Dopo la messa in onda del nostro servizio, purtroppo, non è successo nulla. Nessuna delle istituzioni ha mosso un dito: né per capire come sia possibile che un condannato definitivo per reati contro la pubblica amministrazione sia ancora al suo posto pagato dai contribuenti, né perché a Francesco non sia garantita un'assistenza così come prevede la legge. "Non ci vengono garantiti i nostri diritti - ci ha scritto Luca via WhatsApp - ma nessuno riuscirà mai a rubarci la dignità".

Angelo De Luca

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.