>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

News |

La vittoria di Erika: torna sul ring con la nuova protesi

Dopo il furto dell’auto in cui c'era la sua gamba, la pugile Erika Novarria torna sul ring con la nuova protesi. In tanti hanno contribuito, anche il Coni Milano

 

Erika Novarria torna sul ringDopo quasi un mese lontana dalla sua palestra, la pugile paralimpica può riprendere gli allenamenti grazie alla protesi che le è stata donata da tanti amici capitanati dal Coni Milano. La sua storia ha emozionato e mobilitato tantissime persone e per lei questo incubo è ormai finito.

Alla consegna della sua nuova protesi c’eravamo anche noi de Le Iene che l’abbiamo accompagnata per tutto il pomeriggio. Dapprima al centro ortopedico che l’ha seguita e poi alla sede del Coni di Milano.

“Grazie all’aiuto di tante persone che mi vogliono bene è arrivato questo piede, oggi finalmente lo cableremo”, ha esordito emozionata Erika. “Faremo tutte le regolazioni per tornare a fare sport”.

Il “piede challenger” è diventato per lei un amico inseparabile da quando le è stata amputata la gamba destra dopo un incidente in moto. In meno di un anno, Erika ha imparato a convivere con questa protesi che cambia in base alle esigenze. “Quando arrivo in palestra cambio le scarpe e il piede”, ha sottolineato. “Smonto due brugole e monto quello per fare sport”. Proprio il piede che le consentiva di salire sul ring è stato rubato dai ladri e nonostante i tanti appelli non è più stato ritrovato.

Nelle ultime tre settimane, Erika ha utilizzato altre protesi per gli impegni e le esigenze di ogni giorno. Ma per tornare sul ring necessitava di una particolare che grazie all’aiuto e al sostegno economico di tanti amici è riuscita ad acquistare.

Appena ha visto la nuova protesi le si sono illuminati gli occhi. Con il suo ortopedico ha cablato il nuovo piede simulando affondi e salti come se fosse sul ring. Quel ring che ha atteso sempre più nelle ultime settimane, ma che ha potuto guardare solo da lontano.

Dopo il via libera dell’ortopedico, abbiamo accompagnato Erika alla sede del Coni di Milano per la consegna ufficiale. In via Piranesi a Milano, c’era il presidente Oreste Perri e tutto il suo staff ad aspettarla. I due si sono salutati da subito con un caloroso abbraccio. E quello stesso calore lo hanno trasmesso con le parole ai tanti amici che si sono uniti a questo momento.

“Hai chiesto ai ladri della tua protesi di riconsegnartela per poter raggiungere i tuoi sogni”, ha esordito il presidente Verri. “Questo ci ha emozionato e abbiamo voluto aiutarti concretamente”.

Dopo la consegna ufficiale del nuovo piede è il momento dei ringraziamenti anche per Erika. “Un grazie speciale alle Iene che mi hanno seguito e ai tanti che mi sono stati vicini” ha concluso la pugile che non è riuscita a trattenere le lacrime. “Ogni giorno lotto sul ring, oggi ho un motivo in più per continuare a lottare anche per tutti voi, che con un piccolo gesto avete contribuito a una grande vittoria”. 

Sale il bilancio delle vittime mentre si celebrano i funerali di Stato, rifiutati da venti famiglie. Una testimone diretta racconta il crollo del ponte. Ed emerge un incontro di 27 giorni fa che evidenziava criticità e prometteva interventi proprio sui cavi, prima ipotesi di lavoro come causa della tragedia. “Chiesti invano controlli 24 ore su 24”

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.