>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News | di Alessandro Barcella |

Roma allo sbando: costretti allo slalom tra siringhe usate | VIDEO

Una nuova figuraccia per la Città Eterna,  precipitata all’85esimo posto per qualità della vita

Roma è una città olimpica.  Qui però parliamo di una disciplina nuova, e per nulla spettacolare. I romani si erano ormai abituati, camminando sui marciapiedi della loro bella città, a fare lo slalom tra spazzatura, auto e addirittura cinghiali. Da oggi alle olimpiadi di Roma sarà possibile praticare una nuova specialità: il salto della siringa.

Siamo in pieno centro, proprio di fronte alle Terme di Diocleziano, dove una ragazza ha registrato il video che potete vedere qui sopra e ce lo ha inviato. Via Cernaia, per l’esattezza, e in pieno giorno, lungo una strada affollatissima di turisti e romani.  E di numerosi bambini e ragazzi.

Nel raggio di due metri possiamo contare quasi una decina di siringhe usate, sporche di sangue come i fazzolettini, anch’essi abbandonati sul marciapiedi. È una questione di decoro innanzitutto, ma anche di sicurezza e di igiene, perché chiunque potrebbe raccogliere quelle siringhe e ferirsi. O, peggio, usarla per portare a segno rapine e aggressioni.

E allora ci rivolgiamo al sindaco Raggi, per chiederle se non pensi che la dignità di una città importante come Roma passi anche da queste piccole cose.

Forse allora non è un caso che la città sia retrocessa in un anno, nella classifica sulla qualità della vita realizzata da Italia Oggi, di ben 18 posizioni (dal 67esimo all’85esimo!).  

Ci auguriamo dunque che domani mattina, in via Cernaia come in tutta la città, periferie comprese, romani e turisti non debbano più esercitarsi in una disciplina tanto umiliante quanto pericolosa.

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.