>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
×

Mediaset, da sempre attenta alla protezione dei dati del suo pubblico, si adegua al nuovo regolamento europeo in materia di protezione dei dati personali, il GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati, in vigore dal 25 Maggio 2018.
Leggi la nuova informativa privacy Mediaset

News |

Robbie Williams: “Ho paura di avere la sindrome di Asperger o l'autismo”

L’ex cantante dei Take That ha confidato alla Bbc il sospetto di essere affetto dalla Asperger, una sindrome di cui noi de Le Iene vi abbiamo parlato, facendola raccontare da due persone che ci convivono da anni

“Ho dei punti ciechi, dei buchi neri. Forse è Asperger o autismo. Non so bene cosa abbia, ma ho qualcosa”. A confidarlo alla Bbc è Robbie Williams che da tempo sostiene di accusare disturbi mentali. Il cantante, ex Take That, ha spiegato come sarebbe cambiata la sua vita.

“Giorno dopo giorno questa sensazione cambia”, ha detto alla Bbc Radio 2. “Le cose che ho fatto il giorno prima possono diventare incredibilmente difficili: per esempio, non so perché ora sia tanto difficile per me anche alzarmi dal letto. Ma è così”. 

La sindrome di Asperger si manifesta con comportamenti ripetitivi e stereotipati. Per capirci, è una sorta di autismo molto più lieve. Simone, 24 anni, ce l'ha raccontata nella sua bellissima lettera inviata il 17 aprile a Le Iene (clicca qui per leggerla).

“L’Asperger è una sindrome di cui si è fatta la diagnosi da poco e non c'è cura”, ci ha scritto. “Per quanto ne sappia quelli come me sono tutte brave persone, talmente brave che, non in Italia ma all’estero, fanno concorsi solo per Asperger, perché hanno una marcia in più. E poi principalmente abbiamo il vizio di essere sempre sinceri e dire sempre la verità brutta e bella”.

Come lui, anche Davidid ci ha raccontato in un’intervista video come sconfigge la solitudine derivante dalla sindrome e il suo desiderio di aiutare gli altri. Cosa chiede ai ragazzi della sua età? “Non emarginateci, cercate di darci una piccola occasione. Solo tramite voi noi Asperger possiamo migliorare una volta per tutte!”.

Guarda qui sotto l’intervista completa.

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.