>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Libia nel caos, 200mila migranti intrappolati | VIDEO

Chiedono di essere evacuati e portati in zone sicure lontano dai combattimenti: sono i migranti detenuti nei campi di concentramento nei dintorni di Tripoli. Questo video è stato registrato ieri all'interno di una di queste strutture di detenzione. per migranti ed è un appello alla creazione di corridoi umanitari per permettere la messa in sicurezza dei migranti

Hanno paura - dicono - non possono scappare perché rischiamo di essere rapiti dai trafficanti di uomini o di essere costretti a combattere per le milizie. Per questo siamo costretti a restare in prigioni che definire invivibili e disgustose è riduttivo.  "La guerra ci fa paura. Sentiamo le bombe cadere".

In Libia, secondo l'Organizzazione Internazionale per le Migrazioni OIM, ci sono 200mila profughi intrappolati civili, donne e bambini compresi, che rischiano di essere coinvolti dai combattimenti in una situazione di caos in cui la linea del fronte si avvicina e si allontana continuamente, in modo frastagliato, dalla città.

Sono 16mila  gli sfollati dall'inizio degli scontri armati a Tripoli e dintorni. Lo riferisce l'Onu, precisando che oltre duemila sono le persone che hanno lasciato le proprie case solo nelle ultime 24 ore. Il personale delle aziende italiane e persino i militari americani, della aliquota di marines presente a Tripoli, hanno lasciato la città mentre nella giornata di ieri i primi profughi libici sono sbarcati a Lampedusa. Nei campi di detenzione per migranti la situazione è drammatica. In molti casi il personale ha abbandonato i profughi che restano prigionieri nei centri senza l'assistenza senza protezione.

dopo il nostro servizio

Il boss della ‘ndrangheta, che in passato era già stato latitante per ben 23 anni, stava per essere estradato in Italia, dove deve scontare 30 anni di carcere. Giulio Golia era andato sulle sue tracce a Punta del Este, il paradiso discreto scelto da boss internazionali e signori della droga

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.