>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Lite condominiale a colpi di machete: vi ricordate i nostri vicini da incubo?

Una lite nel Milanese degenera, parecchio, quando uno dei due vicini di casa tira fuori un machete. Con Giulio Golia vi abbiamo raccontato come convivere con il vicinato può diventare un incubo vero, tra genitali in mostra e lancio di escrementi 

Convivere con il vicinato può essere difficile, si sa. Ma di solito le liti si limitano a dispetti e ripicche. Quello che è successo domenica scorsa nel Milanese va decisamente oltre. Durante una lite condominiale per futili motivi un uomo di 36 anni ha tirato fuori un machete di 25 centimetri e ha colpito il vicino di casa, di 34 anni. L’aggressore, visibilmente ubriaco, è stato arrestato dai carabinieri chiamati dagli altri condomini. La vittima per fortuna non ha riportato ferite gravi ed è stata dimessa con una prognosi di pochi giorni.

Noi de Le Iene pensavamo di aver visto già troppo con i vicini da incubo incontrati da Giulio Golia nell’aprile 2018, tra genitali in mostra e lancio di escrementi a Ghedi (Brescia), dove la famiglia Bellotti, montando delle catene all'inizio e alla fine della proprietà, impediva ai vicini di passare per quel tratto della via.

Naturalmente i vicini hanno iniziato a lamentarsi. Risultato? I Bellotti hanno deciso di rendere impossibile la vita di tutti, non solo con ripetuti insulti e minacce ma anche lanciando escrementi nei cortili e mostrando le parti intime ai vicini. Giulio Golia e la nostra troupe non sono stati trattati meglio quando hanno cercato di capire cosa stesse succedendo nel quartiere di Ghedi.

I Bellotti sono stati poi accusati di stalking, fino a che è stato raggiunto un accordo con i vicini. Qualche tempo dopo, come potete vedere nel servizio completo qui sotto, la Iena è andata a controllare con i suoi occhi se “la pace” regnava ancora sul vicinato. 

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.