>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Ha un mitra sulla faccia ed è senza lavoro: Daniele si toglie il tatuaggio | VIDEO

Daniele Di Bella si toglie il mitra che ha tatuato sulla fronte. A Le Iene annuncia la prima seduta dal chirurgo dopo l’intervista in cui ha lanciato l’appello per trovare lavoro

Daniele Di Bella ha iniziato le sedute dal chirurgo estetico per togliersi il mitra che ha tatuato sulla fronte. Come ci aveva anticipato a noi de Le Iene qualche settimana fa, il 27enne cancellerà il tatuaggio che per lui è la causa della sua disoccupazione.

“Ho trovato un chirurgo che si è offerto di togliermi l’AK-47. Ho già fatto la prima seduta, come si può vedere”, ci dice Daniele nel video che potete vedere qui sopra. L’operazione non sarà certo facile e prevederà diverse sedute dallo specialista, che farà tutto gratuitamente.

Abbiamo conosciuto Daniele a dicembre, quando ha contattato Le Iene per lanciare un appello. “Sono disoccupato da tre anni", recitava la sua email, "e per via dei tatuaggi non riesco a trovare lavoro. Sì magari ho voluto dare un po’ l’immagine del cattivo ragazzo, ma non lo sono e chi mi conosce lo sa. Posso sembrare addirittura un ex galeotto, ma sono incensurato”.

Dopo la nostra intervista su Iene.it, si è scatenato un polverone, fatto di insulti virtuali, timide offerte di lavoro e inviti in trasmissioni tv. Daniele vive a casa di sua nonna e si mantiene con la sua pensione perché un lavoro non glielo dà nessuno.

Il volto tatuato però ha anche i suoi vantaggi, come ci racconta sempre il 27enne: “Da quando ho tutti questi tatuaggi ho molte più ragazze. Non che prima non ne avessi eh”.

Guarda qui sotto l’intervista completa di Daniele Di Bella. 

dopo il nostro servizio
La Corte europea dei diritti dell’uomo ha ritenuto ammissibile il ricorso della famiglia di Riccardo Magherini, morto nel 2014 per infarto dopo un fermo dei carabinieri. Noi de Le Iene abbiamo sostenuto assieme ai familiari la raccolta fondi per il ricorso a Strasburgo dopo che la Cassazione ha assolto i tre militari che lo avrebbero picchiato

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.