>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Salvate dal macello le 100 mucche, siamo andati a trovarle | VIDEO

Dopo l’istanza per maltrattamento, le 100 mucche di Cassina de’ Pecchi sono state affidate ai loro proprietari Mariangela e Battista Cassi. Noi de Le Iene siamo stati a trovarli

Buone notizie per le 100 mucche da latte di Cassina de’ Pecchi! Gli animali sono rimasti vittime di un contenzioso legale tra i loro allevatori Mariangela e Battista Cassi e il proprietario della cascina dove sono in affitto. Dopo il nostro servizio che ha mobilitato centinaia di voi da tutta Italia, il sindaco ha affidato ai due fratelli la custodia dei bovini.

A questo epilogo si è arrivati dopo che il loro avvocato ha presentato un’istanza presso la Procura per maltrattamento di animali. Così da qualche ora alla Cascina Moretti sta tornando tutto alla normalità. Noi siamo andati a trovare Mariangela e la sua mandria, come potete vedere nel video qui sopra.

“È dal 21 marzo che non potevamo avvicinarci alle nostre mucche per prenderci cura di loro”, spiega la proprietaria. “Tre mucche sono morte per la mancanza di cure”. E infatti le bovine da quel giorno sono rimaste senza acqua e fieno, non sono state munte e hanno vissuto in condizioni veramente disastrose.

“Il nostro obiettivo era evitare l’asta e la loro macellazione”, spiega Mariangela. “Quindi siamo felici di questa svolta”. Ma ancora non è chiaro come evolverà il lungo contenzioso legale partito nel 2001. Nell’attesa Mariangela e suo fratello cercando di recuperare il tempo perso nell’ultimo mese che di certo non è stato facile né per loro, né per le mucche. “C’è tanto lavoro da fare perché dopo un mese senza cure molte non stanno bene ma la gioia più grande è che abbiano evitato il macello”.

Ecco qui sotto l'appello che avevano lanciato tramite Le Iene.

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.