>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Omicidio Vassallo, una lettera anonima e nuovi dubbi sul caso | VIDEO

Angelo Vassallo è stato ucciso il 5 settembre 2010. Vi abbiamo parlato con Giulio Golia e Francesca Di Stefano di questa storia, su cui aleggiano dubbi e ombre. Ora abbiamo ricevuto una lettera anonima che contiene possibili nuove rivelazioni

L’inchiesta di Giulio Golia e Francesca Di Stefano sull’omicidio del sindaco di Pollica Angelo Vassallo, ucciso il 5 settembre del 2010 in circostanze ancora da chiarire, continua con una nuova (possibile) rivelazione. Nella prima puntata abbiamo raccontato tutto quello che sembra non tornare nella ricostruzione di quella notte. Nella seconda parte ci siamo concentrati sul numero curiosamente alto di carabinieri a vario titolo coinvolti nella vicenda. Nella terza parte ci siamo invece concentrati sul giro di droga nella frazione di Acciaroli: sappiamo infatti che Angelo Vassallo si era lamentato più volte con la caserma locale dei carabinieri chiedendo duri interventi per arginare lo spaccio di sostanze stupefacenti. Nella quarta parte dell’inchiesta, infine, abbiamo parlato del possibile ruolo della famiglia del generale Pisani in questa storia.

In questo nuovo capitolo partiamo da una lettera che abbiamo ricevuto: una persona che chiede di rimanere anonima e si qualifica come carabiniere fornisce alcune informazioni sul caso dell’omicidio di Angelo Vassallo. L’autore di questa lettera si concentra su due carabinieri di cui vi abbiamo già parlato nelle precedenti puntate: Lazzaro Cioffi e Fabio Cagnazzo. All’epoca della morte del sindaco erano rispettivamente brigadiere e comandante del nucleo investigativo della stazione di Castello di Cisterna. A oggi Lazzaro Cioffi è l’unico indagato per l’omicidio di Angelo Vassallo. L’estate della morte, Cagnazzo era in vacanza ad Acciaroli, frazione del comune di Pollica, e avrebbe preso alcune iniziative investigative senza informare preventivamente gli inquirenti titolari dell’indagine.

Secondo la magistratura Lazzaro Cioffi sarebbe un carabiniere infedele e attualmente è in carcere accusato di essere connivente del clan Fucito di Napoli. Per quanto riguarda l’omicidio Vassallo, Cioffi è stato indagato l’anno scorso. Nel 2013 però un testimone oculare avrebbe fatto un ipotetico collegamento tra Cioffi e il caso della la morte del sindaco di Pollica. Secondo la lettera che abbiamo ricevuto, il clan avrebbe regalato a Cioffi una macchina costosa per i suoi presunti servizi al gruppo criminale.

Sempre secondo la lettera che abbiamo ricevuto, il nome di Lazzaro Cioffi sarebbe però già emerso nel 2005 alla procura di Napoli quando durante un’indagine sul traffico di droga a Caivano sarebbero risultati alcuni rapporti intrattenuti tra carabinieri e pregiudicati: il militare in questione sarebbe stato proprio Cioffi. Secondo l’autore della lettera Cioffi sarebbe stato accompagnato dagli inquirenti da Fabio Cagnazzo, che lo avrebbe difeso a spada tratta. Sentito telefonicamente, Cagnazzo ha detto di aver accompagnato Cioffi dai pm perché lui non ci voleva andare e gli fu richiesto di portarlo dai magistrati in qualità di comandante.

L’autore della lettera aggiunge poi un ulteriore particolare: uomo chiave nella storia dell’omicidio Vassallo sarebbe Pasquale Fucito, leader del clan che avrebbe favorito Cioffi. Fucito avrebbe colto l’opportunità paventatagli dal militare di espandere i suoi affari nella piazza di spaccio di Acciaroli. L’attività di spaccio sarebbe avvenuta sfruttando un camper. Una sera sarebbe stato effettuato un controllo alle roulotte parcheggiate nella zona e lì sarebbe stato trovato proprio Cioffi in compagnia di altre persone. Per cavarsi d’impaccio il militare avrebbe fatto intervenire proprio Fabio Cagnazzo che avrebbe garantito per lui. Cagnazzo, sentito telefonicamente, nega però categoricamente che questa cosa sia mai avvenuta.

Non abbiamo modo di verificare che le informazioni arrivateci nella lettera anonima siano vere, ma qualora lo fossero getterebbero una nuova luce su tutta questa storia. A ogni modo ribadiamo l’invito a chiunque possa sapere qualcosa sul caso dell’omicidio di Angelo Vassallo a contattarci.

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.