>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Prostituzione tra Italia e Svizzera: meglio la Cina! | VIDEO

Michele Cordaro, dopo aver ascoltato il direttore di una “casa di appuntamenti” in Svizzera che lamenta concorrenza sleale da parte di orientali con presidio vicinissimo in Italia, va a verificare di persona. La Cina sarà all’altezza degli standard svizzeri?

Che la Svizzera sia un paese pulito ed efficiente non è una novità. Ma lo sapevate che questo vale anche per i “bordelli”? Anzi no, lì si chiamano “case di appuntamenti”. E proprio il direttore di una di queste case svizzere ci ha contattato per lamentare una concorrenza davvero sleale che avviene a cento metri da loro, ma dentro i confini italiani.

“Da un po’ di tempo a questa parte abbiamo avuto un calo importante di clienti a causa di un centro massaggi di orientali a 100 metri da qui però in territorio italiano”, spiega il direttore di questa “casa di appuntamenti” del tutto legale e con regolare licenza.

Il nostro Michele Cordaro vuole vederci chiaro e dopo essersi fatto spiegare dalle professioniste svizzere come funziona il loro lavoro, tra tariffe, tasse, norme d’igiene e servizi, è andato dalle colleghe orientali. La Cina sarà all’altezza degli standard svizzeri? La Iena non si fida e, entrato nella stanza dei “massaggi” inizia a pulire tutto compulsivamente. Perfino i denti della signorina che dovrebbe prendersi cura di lui!

Dal 24 agosto al 30 ottobre 2016 tre potentissime ondate sismiche devastano alcune zone del Centro Italia, tra cui Amatrice, uccidendo oltre 300 persone. A tre anni e mezzo dal terremoto dei 2 miliardi di euro di incentivi per la ricostruzione ne sono stati erogati appena 14 milioni. Un fallimento che già serpeggiava tra gli sfollati, incontrati da Giulio Golia a un mese dal sisma di Amatrice

L'ultima puntata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.