>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Sfregiato con l'acido, Sara Del Mastro resta in carcere

Giuseppe Morgante, sfregiato con l’acido a Legnano, è stato sottoposto al primo intervento alla faccia. Oggi il gip ha deciso che la stalker Sara Del Mastro dovrà restare in carcere

Il gip di Varese ha deciso che Sara Del Mastro resterà nel carcere di Busto Arsizio. E' accusata di stalking e lesioni personali gravissime dopo che la scorsa settimana ha aggredito con l’acido Giuseppe Morgante, il ragazzo di Legnano con cui aveva avuto una frequentazione di un mese.

"Non essendovi disponibilità da parte di nessuno ad accoglierla ai domiciliari, ci aspettavamo questa decisione”, ha commentato l'avvocato Pierpaolo Proverbio. "Richiederemo certamente una perizia psichiatrica e nei prossimi giorni valuteremo con quale modalità".

Nel servizio di Veronica Ruggeri, che potete vedere qui sopra, vi abbiamo raccontato ogni particolare di questa agghiacciante vicenda. Dal video registrato da Giuseppe pochi istanti prima dell’aggressione, all’intervista esclusiva pubblicata su iene.it ad Arianna Penone, una conoscente del 30enne vittima anche lei di stalking da parte della Del Mastro.

Nelle ultime ore, Giuseppe è stato sottoposto al primo intervento all’ospedale Niguarda di Milano dove è ricoverato per ustioni di terzo grado all’addome, al torace, al collo, alle mani e al volto. La nostra Veronica Ruggeri lo aveva raggiunto nel reparto di rianimazione poche ore dopo l’aggressione.

Me lo sentivo che succedeva qualcosa, era destino”, ci dice con il volto nero e la bocca gonfia. “Ho scoperto alla fine che la gente è cattiva comunque. L’importante è che finisca la ronda sotto casa, poi il resto non mi interessa”. La Del Mastro era arrivata a chiamarlo anche 800 volte al giorno e a trascorrere ore intere appostata sotto casa di Giuseppe. Non accettava che quel rapporto nato da neanche un mese si fosse interrotto. 

dopo il nostro servizio

Rita Bernardini denunciata per le piante di cannabis coltivate sul terrazzo di casa sua. La radicale, che si era già autodenunciata e da anni combatte per la legalizzazione della cannabis, sperava in un arresto per portare la questione al centro del dibattito pubblico: “Così si usano due pesi e due misure e la legge finisce per non essere uguale per tutti”

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.