>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Bari, “siamo senza soldi e senza cibo: vi prego dateci 50 euro” | VIDEO

Tre persone davanti a una banca a Bari urlano la loro disperazione: “Siamo rimasti senza cibo e senza soldi. Mi hanno chiuso il negozio da venti giorni, io come faccio a vivere?”. Secondo alcune testate locali, anche questa scena racconta il dramma del coronavirus

“Siamo rimasti senza cibo in casa, siamo senza soldi. Come facciamo a vivere?”. E’ una scena dolorosa di disperazione quella che è stata ripresa nel video che potete vedere qui sopra.
 Secondo quanto riportano anche alcune testate locali le immagini arrivano da via Roberto a Bari, dove tre persone urlano all’indirizzo di una filiale di una banca. “Noi siamo senza soldi”, urla un uomo: “Non abbiamo più soldi, noi come viviamo?”.

“Vi prego, venite a casa a vedere: non ho più nulla. Io devo mangiare”, dice un’altra donna. Stando al racconto delle testate locali, sarebbe una commerciante della zona costretta a chiudere la sua attività dopo i decreti del governo”. Sembrano chiedere un anticipo alla banca. “Io pago gli interessi sugli anticipi, se mi danno 50 euro ne pago di più”, dice la commerciate. L’uomo ripreso arriva a tirare oggetti contro la vetrina.

A un certo punto un passante sembra passare delle banconote a due delle tre persone. “Fate schifo. A me sono venti giorni che hanno chiuso il negozio e non so quando potrò riaprire”. I tre inveiscono anche contro gli agenti intervenuti sul posto. “Lo stato fa schifo”. Una storia davvero triste, e secondo le testate locali le loro difficoltà sarebbero legate alla chiusura delle loro attività per il coronavirus.

Un anno fa, il 13 agosto, ci lasciava la nostra Nadia. Ad un anno di distanza i suoi compagni di viaggio la raccontano, la ricordano, e la festeggiano. Le Iene per Nadia. Giovedì 13 agosto su Italia Uno in prima serata

Questo sito utilizza cookie tecnici, di profilazione e di marketing, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Per saperne di più o negare il consento a tutti o alcuni cookie CLICCA QUI.
Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie.