>External linkFacebookFacebook MessengerFull ScreenGoogle+InstagramLinkedInNewsmostra di piùTwitterWhatsAppClose
News |

Cecchi Paone: “Caccia al gay? Un'espressione orrenda. Semmai un invito a non nascondersi” | VIDEO

Alessandro Cecchi Paone risponde ad alcune polemiche dopo il servizio de Le Iene: “Si nascondono solo i delinquenti, grazie a chi mi ha raccontato di aver fatto il coming out dopo anni di battaglie” 

“Una caccia al gay? Un’espressione orrenda quanto più lontana dalla mia sensibilità”. Alessandro Cecchi Paone risponde ad alcune polemiche dopo il servizio di Stefano Corti e Alessandro Onnis (qui il video). 

Alessandro Cecchi Paone è stato uno dei primi personaggi televisivi a dichiarare la propria omosessualità, già nel 2004. Dopo le dichiarazioni di Gabriel Garko sulla propria omosessualità, Corti e Onnis hanno voluto affrontare con il conduttore tv la difficoltà di fare coming out, sotto forma di un gioco a quiz che ha coinvolto diversi personaggi famosi.

Sui social in queste ore si sta discutendo molto del servizio, e così Cecchi Paone ha voluto rispondere così: “Grazie a tutti quelli che mi stanno contattando dopo il mio gioco-intervista con Le Iene sui gay famosi che ancora si nascondono nel 2020”, spiega nel suo video qui sopra. “Grazie a chi mi ha raccontato di aver fatto il proprio coming out dopo le battaglie di tutti questi anni e ora sono felici, contenti, realizzati. Era un modo per dire di non nascondersi perché si nascondono i delinquenti”. Un invito, quindi, alle persone più esposte a usare la propria popolarità per dare forza a chi invece, isolato, subisce discriminazioni in quanto omosessuale. Vivere la propria sessualità in totale libertà è un diritto, che non tutti però possono esercitare.

 

Ultime News

Vedi tutte
Loading